Huawei P10 Plus: una GRANDE e affidabile conferma! – RECENSIONE

di Francesco Siciliani 0

Huawei ha presentato il suo smartphone di punta per il 2017 durante il Mobile World Congress di Barcellona, al quale noi di TEEECH abbiamo partecipato tra Febbraio e Marzo. Abbiamo già avuto modo di recensire il modello “standard” quindi il più piccolo P10 e oggi scopriamo insieme il fratello più grande, ovvero il P10 Plus.

Huawei P10 Plus è uno smartphone che condivide davvero tantissimo con il suo fratello più piccolo e si conferma uno smartphone interessante, uno dei migliori dell’anno. Si tratta di un device che non porta con sé rivoluzioni importanti ma che riesce a confermare le sue capacità. Come P10, anche P10 Plus è uno smartphone di conferma che non cambia tanto rispetto al passato ma che da sicurezza all’utente.

Design

A livello di design, il prodotto è piuttosto compatto e sottile e questo permette agli utenti di utilizzarlo con facilità e senza troppe rinuncie, nonostante le dimensioni non troppo ridotte. Rispetto al modelo normale, che avevamo già visto essere molto ergonomico, questo device è più grande, già a partire dalla diagonale del display. Il P10 monta un display da 5.1 pollici mentre il P10 Plus monta un display da 5.5 pollici. Le dimensioni specifiche di questo terminale sono le seguenti: 153.5 x 74.2 x 7 mm.

Insomma, un dispositivo che non ingombra più di tanti altri competitor e che grazie al peso piuttosto contenuto (165 grammi) e alle buone scelte progettuali, in primis i bordi arrotondati posteriori, riesce ad essere molto comodo da usare durante la giornata anche se meno del suo fratello minore. Per essere un device 2017, inoltre, il dispositivo non integra soluzioni estreme relative all’ottimizzazione delle cornici ma riesce ad essere comunque fruibile senza grossi problemi. Se dobbiamo trovare un difetto potremmo parlare dell’effetto saponetta, che su questo modello Plus è più pronunciato e tende a far scivolare un po’ il dispositivo. Inoltre ci sono sempre le modalità per semplificare l’uso ad una sola mano.

Schermata 2017-05-16 alle 18.37.21 Schermata 2017-05-16 alle 18.37.27 Schermata 2017-05-16 alle 18.37.42 Schermata 2017-05-16 alle 18.38.01 Schermata 2017-05-16 alle 18.38.17

I materiali sono di ottima fattura, infatti troviamo una scocca in alluminio che fornisce un ottimo feeling in mano e una protezione su display e doppia fotocamera in Gorilla Glass 5. Come sul fratellino P10, anche il P10 Plus si fa notare per il piacevolissimo pulsante power che integra l’inserto rosso e la texture che lo rende riconoscibile rispetto agli altri.

Sulla parte frontale del device troviamo una capsula auricolare molto sobria e compatta, davvero piacevole, un LED di notifica multicolore, la fotocamera frontale e il pulsante home touch. Mancano i pulsanti accessori in quanto tutta l’interfaccia si controlla con il singolo pulsante Home o, via software in alternativa (come vi diremo dopo).

Sul retro troviamo il logo Huawei e il setup a doppia fotocamera Leica con flash dual LED. Lateralmente troviamo i pulsanti per il volume e per l’accensione e l’alloggiamento per SIM e microSD, mentre sulla parte inferiore troviamo il connettore USB-C, microfono, speaker e jack da 3.5 millimetri per le cuffie. Sulla parte superiore è presente il secondo microfono per la riduzione del rumore in chiamata e un trasmettitore infrarossi.

Il sensore per il riconoscimento delle impronte digitali è molto preciso ed è rapidissimo. Come avevamo già visto, e lodato, la velocità di sblocco sul P10, confermiamo il giudizio positivo su questo P10 Plus. Anche in questo caso si perdono le gestures del modello precedente disponibili sul pulsante home posteriore.

Display

Il display del terminale è da 5.5 pollici con risoluzione QHD. Si tratta di un pannello IPS e non più di un AMOLED come sul modello dello scorso anno. Infatti, Huawei ha fatto un passo indietro rispetto al P9 Plus, che montava un pannello AMOLED e che supportava il riconoscimento della pressione.

Positivo però l’upgrade alla risoluzione QHD con 534ppi. Questo pannello riesce a fornire un’ottima esperienza visiva grazie all’ottimo angolo di visuale, alla piacevolissima gamma cromatica che supporta lo standard DCI-P3 e alla luminosità generosissima. Il display del P10 è Full HD e ha 423ppi quindi, passo in avanti da non escludere per chi cerca qualcosa in più dal display oltre alle dimensioni.

Peccato però che all’interno del software non ci siano opzioni per modificare manualmente la risoluzione del display, operazione fattibile solo con l’attivazione del risparmio energetico. Presenti le regolazioni relative alla temperatura di colore del display.

Croce di Huawei quest’anno è il trattamento oleofobico che potremmo definire senza eufemismi scandaloso. I problemi che abbiamo notato già sul P10 sono presenti anche sul modello Plus. L’unico consiglio è di non rimuovere la pellicola pre-applicata, anche seguendo le indicazioni della casa madre che ha risposto alle nostre domande consigliandoci di tenere la pellicola già applicata presente in confezione. Niente di tragico, è chiaro, ma il feeling ne risente parecchio.

Hardware e prestazioni

Il cuore di questo smartphone è il processore Kirin 960, lo stesso di Mate 9 e di Honor 8 Pro, nonchè di Huawei P10. Questo chip è un octa-core da 2.4GHz con ben 6GB di RAM LPDDR4 a disposizione. La GPU è una Mali G-71 MP8 con supporto alle grafiche Vulkan. Insomma, le stesse specifiche del P10 classico, escludendo la RAM. Lo spazio di archiviazione è di 128GB, rispetto ai 64GB del P10. La memoria è di tipo UFS 2.1 e può essere estesa tramite microSD. Maggiore spazio di archiviazione e maggiore RAM forniscono a questo terminale un aspetto molto più “pro” rispetto al fratello minore anche se, per la maggior parte degli utenti non sembreranno differenze rilevanti.

La connettività è al top, come già visto con P10. Troviamo WiFi 802.11 b/g/n/ac dual band, Bluetooth 4.2, USB-C, NFC, 4G/LTE Cat.12 e GPS+GLONASS. Non ci si poteva aspettare niente di meno da un flagship phone 2017 e anche questa volta Huawei mantiene le promesse.

La batteria è da 3750mAh con supporto alla ricarica rapida che permette al device di raggiungere circa il 50-60% di carica in mezz’ora. Non è male nel complesso anche se si poteva fare sicuramente di più. In condizioni di utilizzo medio il device arriva a fine giornata, ma con utilizzi intensi non si può coprire un’intera serata fuori, soprattutto se il device è acceso dalla mattina presto. A salvare la situazione ci sono le completissime modalità di risparmio energetico anche se, senza display AMOLED, ci sono meno opzioni a disposizione per ridurre i consumi del device. La modalità automatica è piuttosto comoda e reattiva ma spesso non basta ed è necessario andare oltre. Insomma, la batteria è positiva, sicuramente di più di quella del fratellino minore ma non è come ci si poteva aspettare. Un po’ di ottimizzazione in più, magari capace di fornire un’ora o due in più di autonomia, avrebbe reso il device davvero bilanciatissimo tra prestazioni e consumi. Come dicevamo prima, solo con il risparmio energetico è possibile ridurre la risoluzione del display in modo da preservare batteria.

Durante l’uso, non troviamo differenze notevoli tra i due smartphone in quanto le performance sono al top su entrambi i terminali. Questo P10 Plus infatti non ha problemi durante l’uso intensivo, durante la fruizione di giochi pesanti e durante l’esecuzione di tante app in background. Sicuramente in futuro, 2GB di RAM in più potranno fare la differenza, magari con gli update, ma al momento aiutano solamente durante l’uso di tante app e il caricamento di tanti contenuti e pagine web. Il device scalda un po’ quando messo alle strette e questo non è positivo per l’autonomia ma il Kirin 960 è un chip piuttosto bilanciato e non supera mai determinate temperature, raffreddandosi piuttosto velocemente. L’uso medio-alto è gestito benissimo quindi non ci sono lag o impuntamenti, non ci sono ritardi o problemi.

Ottima la ricezione, così come la qualità dell’audio in chiamata, sia per quanto riguarda le chiamate ricevute sia per quanto riguarda le chiamate effettuate. L’audio del device però non è elevatissimo durante la riproduzione di contenuti multimediali, anche se la pulizia del suono è notevole. A differenza del modello “più piccolo”, questo P10 Plus può contare su un audio stereo.

Software

A livello software troviamo Android 7.0 Nougat personalizzato dalla ormai fluida e affidabilissima EMUI 5.1 di Huawei. Troviamo tutte le features più interessanti viste sul P10 come le gestures con le nocche, le gestures del pulsante home, le tante opzioni di personalizzazione, le applicazioni duplicate e l’utilissima applicazione gestione telefono. Integrata nell’app “Galleria”, è presente l’app Quick di GoPro.

Fotocamera

Le tre fotocamere presenti sul device sono realizzate da Leica. Prosegue quindi la partnership che ha portato a tanta qualità sul P9. Questa fotocamera è una conferma, una conferma di affidabilità e di prestazioni. A piena luce le foto sono perfette, con un livello di dettaglio elevatissimo e un’ottima gestione di luci, ombre, contrasti e colori. La gamma cromatica infatti è decisamente ampia e riesce a riprodurre fedelmente le immagini, in modo naturale e mai artefatto. Di sera ci si poteva aspettare un po’ di più da questo terminale in quanto c’è più rumore fotografico del previsto e la gestione dei colori risulta più macchinosa, ma niente di grave. Parliamo comunque di un setup al top che, grazie all’apertura f/1.8 (maggiore di quella f/2.2 del modello più piccolo) fornisce risultati soddisfacenti anche al buio, a patto che vi possiate abituare alla messa a fuoco meno istantanea.

Il setup doppio presente rul retro può contare la presenza dello stabilizzatore ottico (OIS). Le due fotocamere sono composte da lenti SUMMILUX-H asferiche, sensore autofocus laser e doppio flash LED. La fotocamera posteriore RGB si combina con quella monocromatica per fornire ottimi risultati e tanto livello di dettaglio. Il sensore della fotocamera RGB è da 12 megapixel con apertura f/1.8 mentre quello monocromatico è da 20 megapixel. Questo setup con doppia fotocamera permette anche di avere a disposizione uno zoom 2x senza perdite di qualità e le modalità ritratto e profondità di campo per persone e oggetti. Non è precisissima la modalità di riconoscimento del volto automatica quindi è consigliabile usare la regolazione classica della profondità di campo (apertura del diaframma) anche per i volti e le persone. La fotocamera anteriore è da 8 megapixel con apertura f/1.9, capace di scattare immagini molto luminose e piene di dettagli.

IMG_20170515_223242 IMG_20170515_121821 IMG_20170515_121815 IMG_20170515_121432 IMG_20170514_112650 IMG_20170513_230019 IMG_20170513_225933 IMG_20170513_222745 IMG_20170513_220414 IMG_20170513_183829 IMG_20170513_183751 IMG_20170513_183659 IMG_20170513_183651 IMG_20170513_183600 IMG_20170513_183547 IMG_20170513_183218 IMG_20170513_183346 IMG_20170513_183350 IMG_20170513_183431

Completissimo il software a corredo per la fotocamera, che ci mette a disposizione tantissime opzioni di scatto e tante modalità di regolazione. C’è anche la modalità PRO con tutte le regolazioni manuali dedicate a ISO, tempi di scatto, diaframma, ecc. I video possono essere registrati in risoluzione 4K a 30fps, così come in risoluzione Full HD a 60fps. Il livello di dettaglio non è lo stesso delle fotografie ma è comunque di opttimo livello. Buona la stabilizzazione.

Prezzi e conclusioni

Il prezzo di listino per questo terminale è di 829€ ma in rete è disponibile sicuramente a meno (street price). Il dispositivo arriva in cinque varianti di colore (Graphite/Mystic Silver/Dazzling Blue/Dazzling Gold/Greenery). Questo device quindi è un top di gamma a tutti gli effetti che propone soluzioni hardware di fascia alta, prestazioni elevatissime e un’ottima connettività. E’ una conferma, un device molto interessante. Le differenze con P10? Poche ma indispensabili per alcuni utenti. La maggior parte degli utenti però potrà trovare lo stesso livello di soddisfazione con il modello normale, risparmiando anche qualcosa considerando il prezzo di listino di P10 pari a 679€. Ancora, in alternativa non è da scartare qualche device Honor piuttosto accattivante. Non è innovativo, è una conferma. E se il P10 è la conferma del brand per quest’anno, questo P10 Plus è la conferma del P10 già recensito e provato in occasione del MWC 2017. Qualcosa in più, non troppe differenze, ma quanto basta. Questi quindi sono i due device top di Huawei per l’anno in corso.

8.6

Questo device quindi è un top di gamma a tutti gli effetti che propone soluzioni hardware di fascia alta, prestazioni elevatissime e un'ottima connettività. E' una conferma, un device molto interessante.

Design
9.0
90%
Hardware
9.0
90%
Connettività
9.0
90%
Fotocamera
9.0
90%
Batteria
7.5
75%
Software
9.0
90%
Prezzo
7.5
75%

Pro

Design
Hardware
Prestazioni
Software
Fotocamera

Contro

Trattamento oleofobico
Fotocamera al buio

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link