Recensione HTC U 11: siete pronti a STRIZZARLO?

di Andrea Cervone 3

Di tutti i top di gamma provati quest’anno, sicuramente HTC U 11 rientra nell’élite di quelli che mi sono piaciuti di più. Questo smartphone unisce un buon design (anche se non originalissimo) a prestazioni solide e ad un software che, per quanto semplificato, è comunque una garanzia. Ha però anche dei difetti, quindi andiamo a scoprire tutto nella nostra recensione!

Design

HTC U 11 non è sicuramente uno di quei telefoni da “WOW” a prima vista. In realtà mi è sembrato anche piuttosto bruttino. Il retro, in vetro, è fin troppo simile a quello di HTC U Ultra e di HTC U Play – e sinceramente non ho notato particolari effetti quando viene colpito dalla luce – mentre il fronte è assolutamente anonimo e con particolari tutt’altro che piacevoli, come il sensore di impronte (o tasto Home che dir si voglia) piccolo e scomodo, accompagnato dai tasti di navigazioni retroilluminato al tocco e anch’essi piccoli e scomodi.

Schermo

Dimensione giusta – ormai – e risoluzione ben più che sufficiente. Lo schermo di HTC U 11 è da 5.5 pollici ed è in risoluzione QHD. I dettagli sono quindi ottimi, almeno quanto la riproduzione dei colori, davvero fedelissima. Buoni anche i contrasti, elevatissima la luminosità massima e ottimo l’angolo di visione.

Hardware

In questo settore HTC U 11 è il vero top di gamma dell’anno, grazie anche ad una Sense che si conferma una delle interfacce più veloci in ambito Android. A bordo di HTC U 11 c’è il nuovo Snapdragon 835 di Qualcomm accompagnato da 4 GB di RAM (nella versione da me testata, ma c’è anche una versione con 6 GB di RAM). La memoria è da 64 GB ed è espandibile tramite microSD.

Nota di merito al sensore di impronte: veloce, ma non velocissimo, ma che non ha mai – e ripeto, mai – sbagliato un riconoscimento durante il periodo di prova. La mia unità test mi ha invece deluso dal punto di vista dell’audio: mi aspettavo sinceramente di più dal nuovo Boom Sound, ma purtroppo, nonostante l’audio sia comunque stereo, la qualità (e il volume) dei vecchi HTC top di gamma si è persa per strada.

Connettività

La ricezione su HTC U 11 è molto buona e la qualità dell’audio in chiamata è davvero eccellente, sia se si utilizza la capsula sia se si ricorre al vivavoce. Troviamo il supporto alle reti LTE con tutte le bande necessarie, WiFi dual-band, Bluetooth solo 4.2 però (il 5.0 sarebbe stato una chicca) ed NFC.

Software

A bordo di HTC U 11 c’è la nuova Sense (desaturata ormai di tutto se si escludono Blink Feed, il drawer personalizzato per le applicazioni e l’app Impostazioni super-completa) basata su Android 7.1.1 Nougat. La personalizzazione di HTC non aggiunge particolari funzioni ma mira soprattutto ad ottimizzare le prestazioni dello smartphone. Il vantaggio c’è e si sente nell’utilizzo quotidiano. Tuttavia gli smartphone HTC avrebbero sicuramente bisogno di una svecchiata lato software. Nota positiva: non ci sono app duplicate (come Galleria e Google Foto, ad esempio).

Fotocamera

HTC U 11 è probabilmente il migliore cameraphone mai esistito. Non servono doppie fotocamere per eccellere: ne basta una e fatta bene. Gli scatti da questo smartphone sono semplicemente meravigliosi: super definiti i selfie acquisibili dalla cam anteriore da 16 megapixel ed emozionanti le foto che è possibile scattare con la posteriore da 12 megapixel con focale f/1.7 che regala degli ottimi sfocati e un’ottima resa al buio. Veramente un nuovo punto di riferimento, ma… nei video delude un po’. Video che arrivano comunque fino alla risoluzione 4K.

Batteria

Piccola delusione è stata la batteria da soli 3.000 che, a fronte di uno schermo risoluto e di uno Snapdragon 835 che probabilmente va ancora ottimizzato al meglio, consente di arrivare con qualche difficoltà a fine giornata (e per fine giornata intendo mezzanotte). Ci aiutano però le due modalità di risparmio energetico, in particolare quella che consente di limitare le funzioni dello smartphone rendendolo meno “smart” ma più longevo.

Prezzo e Conclusioni

HTC U 11 è uno smartphone che mi è piaciuto davvero tanto. Finalmente HTC ha fatto centro con la fotocamera, dopo anni di critiche, e infatti i risultati si vedono. Siamo dinanzi al miglior smartphone per fare foto: si, anche meglio di iPhone 7, Galaxy S8, G6, P10 e amici vari. Resta un telefono solido con un design si anonimo, ma comunque piacevole, con un hardware di tutto rispetto, con uno schermo ottimo e con una batteria che, se trattata bene, assicura comunque un’autonomia sufficiente.

Il suo più grande problema è forse il prezzo (che vedete qui sotto) ed è un prezzo che purtroppo non calerà più di tanto (o almeno, così è stato per tutti gli ultimi top di gamma di HTC) ed è sicuramente proibitivo se confrontato con quello di altri top di gamma che ormai si acquistano senza problemi con 500€.

7.4

HTC U 11 è uno smartphone completo. Se vogliamo la funzione "Edge Sense" è solo un completamento (neanche così indispensabile) di uno smartphone che unisce prestazioni, fotocamera e software di ottima fattura. Peccato per la batteria non eccellente e per il design anonimo. Nel complesso un vero top... al prezzo di un top però!

Designn
6.5
65%
Hardware
9.0
90%
Schermo
8.5
85%
Software
7.0
70%
Connettività
7.0
70%
Fotocamera
9.5
95%
Batteria
6.0
60%
Qualità/Prezzo
5.5
55%

Pro

- Schermo
- Prestazioni
- Software
- Fotocamera

Contro

- Batteria appena sufficiente
- Prezzo

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
  • emandem

    Ma come può essere il prezzo un contro? Mai lo capirò. Inoltre la versione nera non ha chissà quale effetto particolare se colpito dalla luce…tutti guardano il design ma pochi la praticità. Mi sorprende la delusione in merito alla qualità del boomsound…ma sei serio? Confrontato a tutti gli altri top la qualità e nettamente superiore. In volume solo OP5 riesce a fare meglio mentre HTC è subito dietro.

    • Ciao. Domanda: l’hai provato tu? Perché io l’ho provato e ho avuto queste sensazioni. Tra P10, G6, S8 e iPhone 7 non mi è sembrato certamente tra i migliori. Anzi. Sarà che il vecchio boomsound (provato anche quello) era un’altra cosa o che ormai ci sono telefoni che suonano meglio (parere in parte soggettivo) ma io sinceramente mi aspettavo di più. Di “boom” non c’è niente poi dato che il volume massimo è davvero bassino a mio avviso.

      • emandem

        Non ho provato gli altri che elenchi. Ma mi sembra una spanna sopra overall. A me interessa che uno smartphone sia funzionale, non che abbia chissà che schermi o design particolari di cui onestamente me ne frego, pessimi gli edge e per il momento i 18:9 non offrono nulla. Per me rimane il più completo e concreto di questa prima metà del 2017. Poi, ognuno ha le sue opinioni.

SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link