LG Q8, il nuovo “V20”! – RECENSIONE

di Francesco Siciliani 0

LG Q8 è stata una piacevole scoperta “estiva”. Un top di gamma? Non propriamente, considerando G6 e il futuro V30, ma un device che sorprende. Tanto. Tra i suoi punti di forza e i suoi punti deboli, scopriamo di seguito tutto quello che c’è da sapere su questo smartphone e sulle sue potenzialità.

LG quest’anno sta seguendo una strada impeccabile. Personalmente ho apprezzato tantissimo G6, che mi è sembrato molto più sostanzioso di tanti altri top di gamma, e non vedo l’ora di provare V30, da poco presentato ad IFA 2017.

Tra i rilasci estivi del produttore, non abbiamo potuto fare a meno di provare e recensire per voi il tanto interessante LG Q8 (modello LGH970), un device che si caratterizza per la sua anima da “ex” top di gamma, rivisto e corretto per il mercato attuale. Ci sono features di spicco, altre caratteristiche che potevano essere gestite e sviluppate meglio ma nel complesso ci troviamo davanti ad un device che sorprende. E che arriva con il DAC audio che LG non ci ha voluto regalare sul G6 dedicato al nostro mercato.

Design

A livello di design troviamo un corpo unibody in metallo, finemente rifinito e resistente ad acqua e polvere. Il monoblocco con scocca in metallo conferisce al dispositivo un buon feeling al tatto e alla vista. Forse l’unico elemento che infastidisce è il modulo con doppia fotocamera presente sul retro, non troppo sporgente ma troppo esteso. Senza questo dettaglio il dispositivo sarebbe risultato più elegante ma sono opinioni che dipendono dai gusti personali. Troviamo sul retro il sensore per il riconoscimento delle impronte digitali che funziona anche da pulsante power/standby. Sul frontale troviamo il display da 5.2 pollici, con un display secondario integrato nella parte superiore del terminale, fotocamera frontale e capsula auricolare. Lateralmente troviamo lo slot per SIM e microSD e pulsanti volume. Presente il jack audio da 3.5 pollici sulla parte inferiore del device, insieme al connettore USB-C e a speaker e microfono.

1 2 3 4 5 6 7

Le dimensioni sono piuttosto contenute, con solo 7.9 millimetri di spessore. Il device misura 148.9 x 71.9 millimetri e pesa circa 146 grammi risultando piuttosto ergonomico e facile da usare. Mi sarebbe piaciuto trovare un display più edge-to-edge e senza questa cornice nera ma il pannello è soddisfacente e ci regala ottime performance visive.

Schermo

Il display, come stavamo dicendo, è da 5.2 pollici IPS Quantum con risoluzione QHD (1440 x 2560 pixel). Si tratta di un pannello piacevolissimo che regala ottime performance visive per qualsiasi tipo di utilizzo e che rende questo device perfetto per la multimedialità, dai giochi alla visione di film e video. La luminosità raggiunge i 500NIT ed è ottima anche all’aperto. L’angolo di visuale è ampio e la densità di 570PPI non affatica mai la vista. Il pannello può essere calibrato per raggiungere un livello personalizzato di temperatura colore e supporta il filtro luce blu per l’uso di notte.

Ma qui ci sono due display, protetti da vetro Gorilla Glass 4, e ora tocca al secondo display in questione ovvero a quello che in LG chiamano “Assistant screen interattivo always-on“. Si tratta di un piccolo pannello da 160 x 1040 pixel che ci fornisce sempre tutte le informazioni di cui abbiamo bisogno, dal semplice orario ai toggle, passando per le notifiche. Questo display aiuta a ridurre il consumo energetico e aiuta gli utenti ad avere sempre a disposizione le info più importanti, anche durante le sessioni di gioco o di fruizione video se abilitata la relativa opzione. E’ comunque possibile disattivarlo quando non si vuole avere alcun tipo di distrazione.

10 9

Hardware

A livello software troviamo un interessante processore, sebbene non recentissimo. Parliamo del SoC Snapdragon 820, con CPU quad-core a 64-bit e GPU Adreno 530, affiancato da 4GB di RAM LPDDR4. Buone le performance di questo processore, anche sotto stress, nonostante non sia un chip top nel 2017. Peccato però per le richieste energetiche. Questo processore non è ottimizzato come i più recenti e quindi tende a scaldare un po’ di più del dovuto e a consumare più energia di quanta realmente serva. Niente di gravissimo ma va segnalato. La memoria è da 32GB UFS, di cui a disposizione ci sono circa 22GB, ed è espandibile via microSD fino a 2TB.

I giochi vengono gestiti bene dall’hardware e dal supporto software alle API Vulkan. Niente da dire: buoni fps e ottimo livello di dettaglio con pochissimi lag e una ottima fluidità complessiva. La risoluzione assicura una piacevolissima esperienza di gioco, indipendentemente dalla tipologia.

Come accennavamo prima, il dispositivo è anche resistente ad acqua e polvere ed è certificato IP67 (massimo 30 minuti fino ad un metro di profondità). Questo lo rende più semplice da portare con sé e permette agli utenti di non preoccuparsi in caso di caduta in acqua accidentale.

Connettività

La connettività è al top con il supporto alle reti WiFi 802.11 a/b/g/n/ac dual band, al Bluetooth 4.2, allo standard USB-C, al Miracast, GPS, GLONASS, NFC e uscita Slimport 1080p a 60fps. Supportate anche le reti LTE Cat 6 con, chiaramente, le bande italiane. Le performance di rete sono stabili e di ottimo livello, sia in navigazione sia in chiamata.

Audio

L’audio di LG Q8 è sicuramente uno dei suoi punti chiave. Sia in registrazione che in riproduzione. Due microfoni con AOP elevato (punto di sovraccarico acustico) consentono di registrare, ad esempio, le scene ad alto volume degli avvenimenti sportivi senza la distorsione acustica provocata dal tifo. Q8 registra audio in formato lossless non compresso, per preservare la massima qualità. Ma non solo, è possibile registrare in formato FLAC non compresso a 24bit/192kHz, anche su una traccia già esistente.

Ciò che stupisce, e che per motivi di marketing non abbiamo potuto apprezzare su G6, è il Quad DAC a 32-bit. Grazie all’esclusivo Quad DAC, è possibile ascoltare la musica con una qualità più alta, perché diminuisce il rumore di fondo ed viene effettuato un sovracampionamento a 32-bit dei file musicali. Per un audio più ricco e corposo, da gustare con cuffie di alto livello o con impianti audio HiFi. Le cuffie in confezione? Lasciatele in confezione.

Software

Troviamo su questo dispositivo Android 7.0 Nougat personalizzato da LG con la sua UX 5.0 che fornisce alcune interessanti funzionalità come KnockOn, Knock Core, Capture+, Screen zooming, tanti temi, EasyHome, ClipTray e tanto altro. L’interfaccia LG ci piace sempre tanto e risulta essere reattiva e fluida in ogni contesto, con le giuste opzioni e una buona pulizia in generale. Qualche app superflua pre-installata, ma nel complesso ci si può ritenere più che soddisfatti.

Al momento non ci sono indicazioni su Android 8 Oreo e sulla sua disponibilità sul terminale. Sappiamo che lo vedremo su V30 ma per questo device non ci sono ancora comunicazioni ufficiali anche se è più che probabile che questo device sarà tra i candidati all’update, non appena sarà ottimizzato e reso disponibile dalla casa produttrice. Vi aggiorneremo chiaramente su questo tema, sempre su TEEECH.it.

Fotocamera

La fotocamera soffre dei classici problemi al buio, è impossibile negarlo, ma è davvero performante a piena luce o in buone condizioni di luce. Lo specifichiamo prima di parlare di tutto il resto perché non possiamo gridare al miracolo.

Nello specifico troviamo una doppia fotocamera sul retro che combina un sensore da 13 megapixel con lente da 28mm (78°) e apertura F/1.8, stabilizzatore ottico e flash dual LED ad un sensore da 8 megapixel grandangolare da 135° con apertura F/2.4. Supportato lo zoom digitale fino a 8x mentre quello ottico fino a 0.5x. Meglio fermarsi a quello ottico se si cercano scatti impeccabili. L’autofocus è ottimo e traccia benissimo gli oggetti e i soggetti in movimento. Disponibile l’HDR e la registrazione video UltraHD (4K). Buoni i colori e ottima la gestione della luce. Il livello di dettaglio tende ad essere molto più definito in condizioni ottimali ed è più che sufficiente a scattare ottime immagini. Come dicevamo prima, l’unica pecca è al buio o in condizioni di luce ridotte.

20170902_231840 20170902_231847 20170904_185933_HDR 20170904_185939_HDR 20170904_185948_HDR 20170904_190021 20170904_190038 20170904_190121 20170905_120306 20170905_121429 20170906_152148

Il nuovo Q8 si presenta poi come una vera videocamera “pro” grazie alla modalità manuale per i video dalla quale sarà possibile regolare ciascun parametro della registrazione e perfino controllare il guadagno dei microfoni in modo da avere un audio pulito in qualsiasi situazione.

La fotocamera frontale è da 5 megapixel con lente grandangolare a 120° e apertura F/1.9. Buoni gli scatti a piena luce e sufficienti quelli al buio grazie al supporto al flash virtuale che bilancia bene luci e toni per garantire un buon risultato complessivo.

Batteria

La batteria è agli ioni di litio da 3000mAh non removibile. Potevamo aspettarci un po’ di autonomia in più ma non è solo colpa della capacità, non troppo bilanciata in relazione alle richieste dello Snapdragon 820, bensì anche della scarsa ottimizzazione software e della ricarica piuttosto lenta. Si raggiunge una giornata lavorativa in media, ma senza stressarlo troppo. Di contro, i consumi sono ridottissimi quando il device non viene utilizzato tanto o viene lasciato in standby, come da foto.

Modelli e prezzi

Di questo smartphone c’è una sola versione e un solo colore. Praticamente quello che avete visto nella nostra recensione. Un device da 32GB di ROM, 4GB di RAM in colorazione “Titanio”. Il dispositivo è disponibile in esclusiva su Amazon.it al prezzo di 599,90€. Un prezzo decisamente un po’ troppo elevato considerando quanto fornito.

Conclusioni

Il futuro V30 sarà rivoluzione? Molto probabilmente V30 farà da apri-pista per una nuova tipologia di device premium in casa LG, un device che alzerà l’asticella della qualità e delle features proposte alla clientela, come abbiamo visto nella presentazione del terminale. Ma questo Q8 è un bel compromesso. Scegliere tra questo device e G6 dipende dalle esigenze e dalle disponibilità economiche, considerando che il G6 ora costa molto meno in “street price”. Preferisco sempre G6, come è naturale che sia, ma riconosco il grande valore e la grande genuinità di questo Q8, forse più una variante del V20 che del G6. Ecco perchè “ex” top di gamma. Avrei avuto un pizzico di entusiasmo in più con un processore leggermente più prestante, anche il solo Snapdragon 821. Al momento, resta consigliato G6 di cui vi alleghiamo la recensione completa qui.

7.4

Una piacevole e sincera variante del V20, con tante caratteristiche positive e pochi contro. Un "ex" top modernizzato e rinfrescato.

Design
7.5
75%
Display
8.5
85%
Hardware
7.5
75%
Software
8.0
80%
Batteria
7.0
70%
Fotocamera
7.5
75%
Prezzo
6.0
60%

Pro

Display
Audio
Software
Design
Fotocamera

Contro

Autonomia
Prezzo

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link