Recensione Vernee M5: ecco come spendere BENE 100€ – VIDEO

di Claudio Sardaro 1

“Che smartphone compro con 100€?” È una domanda alla quale i tech lovers spesso si trovano a dover rispondere: se vi dicessi che ho trovato la risposta a questa domanda?

Vernee M5 è uno tra i migliori smartphone da poter acquistare sulla fascia dei 100€. Buono schermo, buone prestazioni, ottima durata della batteria: il tutto con poche rinunce e senza fronzoli!

Design

Quando dicevo senza fronzoli mi riferivo (anche) al design: il dispositivo è davvero molto semplice, è realizzato in vetro, plastica simil metallo per il frame e metallo nella parte posteriore. I bordi che contornano il display sono abbastanza pronunciati, ma comunque in linea con altri dispositivi della stessa categoria. Il vetro anteriore è inoltre lavorato per avere una curvatura 2,5D su tutti i lati. Sulla parte destra del frame troviamo inoltre il bilanciere del volume e il tasto di accensione spegnimento; su quella sinistra il carrellino per la doppia nano sim e microSD; su quella inferiore il microfono, lo speaker di sistema e l’ingresso microUSB; su quella superiore il jack da 3,5mm; sulla parte posteriore fotocamera, flash led e sensore di impronte digitali. Il device sta molto bene in mano, le dimensioni sono di 72.6 mm x 147.3 mm x 6.9 mm e il peso è di soli 145g e risulta davvero ben assemblato risultando, almeno apparentemente, molto solido.

5 4 3 2 1

Schermo

Vernee ha preferito optare per una soluzione davvero efficace: il pannello montato sul dispositivo è un LCD IPS HD da 5,2 pollici che, nonostante non abbia una risoluzione da paura, risulta davvero molto godibile e qualitativamente eccellente. I colori restituiti sono fedeli, non sparati e molto gradevoli. Sotto la luce del sole non ho riscontrato particolari problemi, il sensore di luminosità lavora molto bene e la modalità notturna, non automatica e non modificabile, è molto comoda. La risoluzione “solo” HD ha permesso di non chiedere troppo alla piattaforma hardware in termini di risorse sia energetiche che di calcolo computazionale: la qualità complessiva del pannello è però molto elevata e permette di sopperire alla definizione più bassa.

Hardware

Il cuore del Vernee M5 è la CPU Mediatek MT6750T coadiuvata da ben 4GB di memoria RAM e, per il modello in prova, da 64GB di memoria interna eMMC 5.1 espandibile. Nel concreto la CPU si comporta molto bene grazie soprattutto alla quantità di memoria RAM a bordo. Sono rimasto colpito inoltre dalle buone performance della GPU Mali-T860 che permette di decodificare file video anche più pesanti restituendo immagini sempre fluide. I videogiochi più pesanti vengono eseguiti correttamente e senza particolari defezioni, ma non a piena risoluzione. Il dispositivo risulta perfetto quindi per i puzzle game, ma meno per il gaming pesante.

Connettività

Il dispositivo supporta due nano sim ed è compatibile con l’LTE Cat.4, con le reti Wi-Fi single band n e con il Bluetooth 4.1. Non manca il GPS e il Glonass, ma non c’è connettività NFC. Il dispositivo non ha problemi nella ricezione cellulare, entrambe le sim permettono di accedere contemporaneamente alla rete, ma solo una sarà in grado di collegarsi in LTE. Mi ha sorpreso positivamente l’antenna Wi-Fi che riesca a collegarsi alle reti anche in condizioni più complesse dove, spesso, anche smartphone ben più blasonati arrancano.

Audio

Lo speaker di sistema non eccelle certo in qualità, ma dobbiamo ricordarci che il Vernee M5 appartiene alla fascia bassa del mercato. È vero, sono assenti quasi del tutto i bassi, ma gli alti sono ben definiti e i medi accettabili: il volume è tuttavia molto alto e permette non solo di avere una buona qualità in viva voce, ma permette anche di ascoltare il parlato di podcast e video senza problemi. La capsula auricolare è buona e permette di effettuare conversazioni in qualsiasi situazione.

Software

Il Vernee M5 monta a bordo VOS 1.0: una personalizzazione di Android 7.0 che mantiene apparentemente il sistema in versione stock, aggiunge le poche personalizzazioni di Mediatek, ma in questo caso sicuramente sarà stato fatto un buon lavoro di ottimizzazione. Nell’uso quotidiano il device risulta infatti davvero molto fluido, non solo nella navigazione tra i menù, ma anche nell’apertura delle applicazioni. Tutto questo permette agli utenti di personalizzare facilmente il device con launcher e pacchetti icone. Come detto nel video, io ho installato il launcher dei Pixel 2 in versione modificata e che potete trovare qui. Il software è a tutti gli effetti ottimizzato per noi occidentali, i servizi di Google sono già installati, ma vi consiglio di disattivare la tastiera preinstallata che, dai nostri test, risulta non proprio pulitissima. Nulla di preoccupante, ma è sicuramente il caso di segnalarlo.

Fotocamera

Il comparto fotografico del dispositivo non è sicuramente di primo livello, ma per la fascia di prezzo si difende bene.

Il sensore posteriore è da 13 megapixel con flash led: gli scatti con molta luce sono buoni, quelli con scarsa luce sono appena sufficienti. La massima risoluzione per i video è di 720P a 30fps e la qualità ricalca la stessa già detta per gli scatti.

Il sensore anteriore è invece da 8 megapixel: in questo caso anche in condizione di buona luce gli scatti risultano appena sufficienti, ma con poca luce sono da dimenticare. È un piccolo prezzo da pagare quando ci si muove in questa fascia del mercato. I video arrivano alla risoluzione massima di 480P.

f13 f12 f10 f9 f8 f7 f6 f5 f4 f3 f2 f1 f14 f15

Batteria

Tra i comparti da elogiare di questo Vernee M5 c’è sicuramente la batteria: con i suoi 3300mAh e il processore davvero poco energivoro, il dispositivo è in grado di sopportare facilmente una giornata piena d’uso intenso e circa due giorni di utilizzo più light. Con il mio utilizzo sono arrivato a coprire agevolmente 5 ore e 30 minuti di schermo attivo nonostante il massiccio utilizzo di contenuti multimediali. La ricarica avviene in circa 2 ore e 30 minuti grazie al caricabatterie in dotazione da 5V 1.5A.

Conclusioni

Spendere 100€ per uno smartphone già pronto all’uso e che funzioni bene è possibile? Sì ed una delle risposte è certamente Vernee M5! Il device è davvero per tutti: dai meno ai più smanettoni magari in cerca di un primo device che faccia bene il suo o di un secondo da utilizzare in tutti quei contesti in cui si vuole lasciare a casa un dispositivo da preservare. Personalmente continuerò ad utilizzare il dispositivo come mio secondo smartphone vista la batteria davvero titanica per il mio uso e la fluidità di sistema oltre che il piacere di utilizzare Android in versione praticamente stock.

Il dispositivo è disponibile su TomTop al prezzo di 100,79€ nella versione da 64GB di memoria interna che, grazie alla promo attuale, viene venduta allo stesso prezzo di quella da 32. È disponibile non solo con la parte posteriore in colorazione nera, ma anche in una simpatica colorazione blu.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
  • Stefano Bregonzio

    complimenti per la recensione! ero molto curioso di vedere all’opera questo device. una domanda.. il sito consigliato per l’ acquisto non lo conosco.. è affidabile? accetta Paypal?

SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link