SensibleVision cita OnePlus: violerebbe un brevetto sul riconoscimento facciale!

di Nikolas Pitzolu 0

Il riconoscimento facciale di OnePlus 5T potrebbe essere incluso in una causa in quanto infrangerebbe un brevetto già depositato da un’altra azienda USA.

Dopo più di un mese dalla commercializzazione del nuovo dispositivo dell’azienda Cinese, abbiamo imparato a conoscerlo come un OnePlus 5 standard ma con un aggiornamento lieve sotto il punto della scheda tecnica e un aggiornamento più corposo sotto il punto di vista del design.

Sulla scia di iPhone X e della nuova evoluzione del riconoscimento facciale in ambito Android, OnePlus 5T ha introdotto un metodo di Unlock tramite volto più veloce e preciso di altri concorrenti: le recensioni sono ampiamente positive sotto questo punto di vista, fermo restando che non ha la possibilità di essere sbloccato in condizioni di luce scarse.

E questo è stato possibile lavorando solo sulla parte software del dispositivo, tralasciando costosi componenti hardware che altri produttori hanno inserito.

Oggi però l’azienda SensibleVision ha avanzato l’ipotesi che OnePlus 5T – per fare in modo abbia un sistema di riconoscimento facciale così veloce ed accurato – abbia violato un brevetto che la società stessa ha depositato ben 3 anni fa.

Sensible Vision, per la cronaca, è un’azienda che si occupa da anni di autenticazione biometrica e riconoscimento facciale e sarebbe così convinta che il nuovo OnePlus utilizzi il loro know how certificato, che ha deciso di denunciare la società Cinese per violazione di brevetto. Il tutto verrà messo nelle mani di avvocati che operano negli Stati Uniti.

Ultima considerazione, ma di grande importanza economica, è che OnePlus con i suoi dispositivi in USA non vende assolutamente tante unità dei suoi terminali, tante quante nella sua patria Cinese.

Affermiamo questo perché la denuncia di SensibleVision coprirebbe con la sua efficacia (se fosse vero e provato il furto di proprietà intellettuale) solo gli Stati Uniti d’America, lasciando incustodito l’Oriente. Ergo, i OnePlus 5T qui – ma anche in Europa – potranno essere venduti ancora senza nessuna restrizione.

Attendiamo una risposta ufficiale di OnePlus sull’argomento, immaginiamo che si farà sicuramente “sentire” con un suo comunicato sui sui profili Social ufficiali.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link