Google chiede feedback all’interno delle proprie App, non solo sui Pixel!

di Nikolas Pitzolu 0

Ci eravamo accorti che Google stesse effettuando delle indagini sull’utilizzo delle proprie App, ma dai soli suoi dispositivi ora si passa anche agli smartphone degli altri produttori!

Dall’inizio di quest’anno si sono moltiplicati gli screenshot e i riferimenti legati al nuovo metodo di indagine messo a punto da Google per i suoi software e per i suoi dispositivi.

Se fino ad ora però il tutto ha riguardato i proprio dispositivi Nexus e Pixel (dispositivi da Google stessi supportati), ora la questione si sta allargando anche agli altri produttori partner che utilizzano da sempre Android: per ora si parla di Android 7 Nougat e Android 8 Oreo.

Andando più o fondo, abbiamo notato come l’indagine appariva non mentre si utilizzavano le App ma mentre si visualizzava l’interfaccia relativa alle impostazioni. Un popup ci mostrava se volessimo partecipare all’indagine, con l’incentivo di dare una mano a Google per migliorare i suoi prodotti.

Poi ora ci sono varie segnalazioni che affermano che la richiesta di Survey sta comparendo all’interno delle Applicazioni Stock di Google, relative appunto al livello di soddisfazione dell’App che si sta utilizzando in quel momento.

Se questo può piacere o non piacere, è comunque rimasto relegato ai dispositivi Pixel e Nexus. Oggi invece vi mostriamo la richiesta direttamente dall’App messaggi di uno ZTE Axon 7.

Il punto è che i possessori di smartphone Android discutono un tantino questo metodo un po’ troppo “aggressivo” di visualizzazione, anche perché potrebbe comparire mentre navighiamo all’interno dei nostri messaggi in qualsiasi momento.

Ci aspettiamo valutazioni del genere da un App scaricata dal Play Store che, con il fatto di essere gratuita, ci fa domande su come migliorare il prodotto nelle successive versioni.

Terremo monitorata la questione, anche perché espandere le indagini a smartphone non Pixel/Nexus potrebbe essere una mossa sbagliata, fermo restando che ZTE – in questo caso – potrebbe aver dato il proprio consenso: ma i suoi clienti no!

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link