ASUS Zenfone 4: vale ancora 499€? – RECENSIONE

di Francesco Siciliani 0

ASUS Zenfone 4 è uno smartphone molto ben realizzato e offre ottime specifiche tecniche ad un prezzo che, ora, è più conveniente rispetto a qualche mese fa. Ecco perchè è uno smartphone che continua a brillare, e non solo per la finitura della scocca posteriore. Scopriamolo.

ASUS Zenfone 4 è uno smartphone ormai non più giovanissimo. Ora però ha molto senso provarlo e recensirlo in relazione ai cali di prezzo in street-price. Il device infatti, costa meno e risulta essere più accattivante per tantissimi utenti. Noi lo abbiamo provato a fondo e vi riportiamo tutte le considerazioni. Nell’ultimo capitolo della review troverete due conclusioni differenti, una relativa al prezzo di listino del terminale, ovvero a come ASUS ha concepito lo smartphone e lo ha presentato sul mercato, e una relativa al prezzo minore al quale lo si può acquistare oggi.

Partiamo subito con questo Zenfone 4 e analizziamo tutte le caratteristiche di questo medio di gamma, nonché top di gamma per quanto riguarda ASUS e la serie Zenfone, secondo solo al modello PRO. Le altre serie, come già sicuramente saprete, sono dedicate a particolari caratteristiche come la batteria per i Zenfone Max, alla fotocamera come i Zenfone Zoom e via discorrendo.

Design

Questo ASUS Zenfone 4 è davvero particolare a livello di design perchè combina delle soluzioni molto tradizionali come le grandi cornici superiori e inferiori ad un retro in vetro che regala una finitura molto piacevole capace di riflettere la luce in diverse direzioni e generare degli effetti visivi piacevolissimi. Ad un primo impatto questo device sembra il fratello di Honor 8, date linee e colorazione, blu per questa prova.

Lo spessore non è dei più contenuti (7.5mm) ma fornisce un buon feedback in mano grazie alla superficie in alluminio del frame. Il peso di 165 grammi risulta bilanciato lungo tutta la superficie del prodotto e aiuta con l’ergonomia. Non mi è piaciuta solo la corsa dei tasti laterali, troppo smorzata, che sembra richiedere più pressione di quanto serva. Sono piccolezze, è chiaro, ma bisogna essere attenti ai dettagli. Inoltre segnalerei un po’ di scivolosità che non favorisce sempre l’uso con una sola mano.

Asus Zenfone 4 Asus Zenfone 4 copia Asus Zenfone 4 2 Asus Zenfone 4 3

Sulla parte frontale troviamo il display, in rapporto classico 16:9, il pulsante home touch con sensore per il riconoscimento delle impronte digitali integrato, il LED di notifica, la capsula auricolare e la fotocamera frontale. Lateralmente troviamo il bilanciere del volume, il pulsante power e lo slot per la SIM, mentre sul retro troviamo un setup con doppia fotocamera non sporgente e flash LED Dual Tone. Alla base del device poi c’è altoparlante, microfono, connettore USB-C e Jack 3,5mm mentre sulla parte superiore troviamo solo il microfono secondario.

Schermo

Il display di questo Zenfone 4 è un pannello LCD da 5.5 pollici con tecnologia IPS. I colori sono quindi ben calibrati e risultano piuttosto naturali. Anche i contrasti sono piuttosto vividi, non come i più accattivanti pannelli AMOLED ma ci si avvicinano molto. Il punto chiave di un display IPS però resta la fedeltà cromatica e qui i profili colore sono impeccabili. Non manca il filtro luce blu per non affaticare la vista durante le ore serali e notturne.

Per la visualizzazione di contenuti multimediali quali video, film e serie TV il display risulta piacevole e non affatica la vista grazie alla risoluzione e alla diagonale. Gli angoli di visuale sono sufficientemente buoni ma ci aspettavamo molto di più. La luminosità, di contro, è molto generosa e il sensore si comporta piuttosto bene per regolarla al meglio in modo dinamico.

Ancora, seppure a volte non troppo preciso, è presente un sistema di regolazione automatica della temperatura di colore del display. In sostanza, in base alle luci ambientali, il display si adatta per fornire una migliore esperienza di visualizzazione dei contenuti senza affaticare la vista.

Hardware

Cosa muove questo Zenfone 4? Un buon comparto hardware, seppure non dalle specifiche elevatissime. Troviamo una CPU di Qualcomm, nello specifico Snapdragon 630 con processore octa-core a 64-bit realizzato con processo produttivo a 14nm, una GPU Adreno 508 e 4GB di memoria RAM. Per quanto riguarda l’archiviazione interna, troviamo 64GB di storage espandibili via microSD fino a 256GB. Piacevole la promo che regala 100GB di spazio gratis su Google Drive per un anno.

Questo hardware permette di eseguire tranquillamente tutte le operazioni più comuni, su base quotidiana, senza alcun tipo di lag, incertezza o freeze. Anche le app più impegnative come ad esempio quelle di montaggio video mobile o ritocco fotografico si comportano bene, sebbene in alcuni casi l’elaborazione porti ad un riscaldamento pronunciato sul retro del dispositivo.

I giochi girano molto bene, a buoni fps con una grande qualità di dettaglio. Insomma, questo smartphone fa tutto in modo piuttosto soddisfacente anche se non integra un hardware di prima classe.

Connettività

Per quanto concerne la connettività di questo Zenfone 4, troviamo il supporto alla tecnologia WiFi ac, Bluetooth 5.0, WiFi Direct, NFC, GPS, USB-C e, come dicevamo prima, Jack audio da 3,5mm.

Niente da segnalare quindi, ci troviamo davanti ad un corredo di potenzialità davvero ottime. Al momento non si può chiedere di più per la connettività. La rete viene gestita molto bene e non soffre di alcun problema, anche sotto rete LTE. Il device è dual SIM e sfrutta bene la gestione delle due schede via software.

Audio

L’audio è un punto molto positivo di questo device e non solo perchè gode della certificazione HiRes Audio. Troviamo doppi altoparlanti che suonano molto bene e che si caratterizzano per una buonissima resa sonora con i bassi abbastanza pronunciati e una pulizia degli alti degna di nota. I medi ci sono ma non sono fastidiosi come spesso accade su speaker molto piccoli. L’uscita audio poi permette di sfruttare l’audio HiRes a 192kHz/24-bit con DTS Surround 7.1 per le cuffie.

L’audio in entrata, quindi registrato da Zenfone 4 è di buona qualità e viene piuttosto ripulito dai rumori di fondo grazie al doppio microfono.

Software

A livello software troviamo Android 7.0 Nougat con personalizzazione ASUS ZenUI 4.0. Questo software quindi, seppure non ancora aggiornato ad Oreo, si comporta bene e offre tutto ciò che serve. La questione dell’update software è in realtà un po’ più complicata di quanto sembri ma la semplifichiamo di seguito.

Il modello Zenfone 4 riceverà update ad Oreo, anzi lo sta già ricevendo a partire dal mese di Dicembre 2017. I primi device si stanno aggiornando sebbene il device che abbiamo in prova è ancora fermo ad Android 7.1.1, quindi è solo questione di tempo.

Nel complesso la ZenUI 4.0 risulta facile da utilizzare, a tratti più intuitiva di altre personalizzazioni di Android anche se ci sono un po’ tante applicazioni di default che poi risultano inutili nell’uso quotidiano dello smartphone. Ho apprezzato la tecnologia OptiFlex che ottimizza i tempi di avvio delle app, così come la sezione dedicata alle impostazioni ASUS che personalizzano e ottimizzano il dispositivo in questione.

Non mancano tante personalizzazioni come i temi e le modalità speciali, dedicate ai bambini o agli utenti meno esperti. Per i più smanettoni c’è l’app che fa da dashboard per gestire tutti i parametri del device, liberare RAM e gestire altre impostazioni.

Fotocamera

La fotocamera principale presente su questo Zenfone 4 è da 12 megapixel con apertura f/1.8 e stabilizzazione ottica OIS. La fotocamera secondaria è da 8 megapixel ed è grandangolare, con lente a 120°. Questo setup quindi ricorda molto quello proposto da LG e offre una versatilità maggiore rispetto al classico sensore di supporto di tanti altri smartphone. La fotocamera frontale è da 8 megapixel con apertura f/2.0.

A piena luce le foto risultano molto buone per quanto riguarda luminosità e livello di dettaglio. Anche i colori sono molto fedeli alla realtà e non sono artefatti, pur rimanendo piacevoli da vedere e assolutamente non “flat”. L’HDR è necessario su quasi tutti gli scatti in modo da fornire una marcia in più alle immagini. Non troviamo un sistema fotografico capace di farci scattare foto “capolavoro” da stampare e incorniciare ma sono perfette per l’uso sul web, social chiaramente compresi.

P_20180122_160559_vHDR_Auto_HP P_20180122_162230_vHDR_Auto P_20180122_120237_vHDR_Auto_HP P_20180122_120258_vHDR_Auto_HP P_20180122_120304_vHDR_Auto_HP P_20180123_214809_vHDR_Auto P_20180122_103820_vHDR_Auto P_20180122_103830 P_20180122_120332_vHDR_Auto_HP P_20180123_214833_vHDR_Auto P_20180122_104714_vHDR_Auto P_20180122_104723_vHDR_Auto P_20180122_120349_vHDR_Auto P_20180123_214840_vHDR_Auto P_20180122_104728_vHDR_Auto P_20180122_120526_vHDR_Auto_HP P_20180123_220120_vHDR_Auto P_20180122_120208_vHDR_Auto_HP P_20180122_121736_vHDR_Auto_HP P_20180123_220305_vHDR_Auto P_20180122_120214_vHDR_Auto_HP P_20180122_121742_vHDR_Auto_HP P_20180123_220330_vHDR_Auto

Al buio la fotocamera soffre, così come è inevitabile che sia, anche se un po’ di più di altri competitors. Gli scatti sono sufficienti ma non offrono grande margine di qualità.

I selfie scattati dalla fotocamera frontale sono buoni. Nel complesso senza infamia e senza lode, ma attenti a non sfruttare la modalità ritratto perchè il software ancora non riesce ad intervenire bene e genera risultati discutibili.

Buono il software della fotocamera, con tutte le opzioni più utili sempre a disposizione e consuma modalità PRO manuale che consente agli utenti di sfruttare le proprie conoscenze sulla fotografia per migliorare gli scatti e scattare in modo più creativo.

Parlando di video, troviamo la risoluzione massima 4K sulla fotocamera posteriore mentre Full HD su quella anteriore. I video sono buoni e offrono un discreto compromesso tra fluidità, stabilizzazione e livello di dettaglio. La possibilità di registrare con la camera grandangolare poi conta e fa la differenza in ottica creativa.

Batteria

La batteria è da 3300mAh non rimovibile che supporta la ricarica rapida 10W. Davvero buona l’autonomia che ci porta sempre a fine giornata con un utilizzo medio alto. Nei casi più stressanti meglio usare una modalità di risparmio energetico per arrivare a cena.

Qualità/Prezzo

ASUS Zenfone 4 è molto valido, bilanciato ed elegante. Non ha un design dei più innovativi ma offre ottimi materiali e una grande qualità costruttiva. A livello hardware si difende piuttosto bene, seppur limitandosi ad un SoC Snapdragon 630. E’ comunque uno dei top di gamma di ASUS, il secondo nella famiglia dei “performer versatili”. La fotocamera è buona ma ci si poteva aspettare di più, ma nel complesso le performance sono più che soddisfacenti e l’autonomia è positivissima.

Al prezzo di listino di 499€, il prodotto risulta un po’ troppo costoso e le sue caratteristiche non vanno a giustificare appieno un prezzo simile. Molti competitors infatti si fanno pagare meno.

Con qualche ricerca è comunque possibile risparmiare un po’ in street-price, cercando qualche shop che lo vende a meno. Noi ad esempio, al momento della stesura di quest’articolo, abbiamo trovato due interessanti alternative che vi proponiamo di seguito:

7.8

ASUS Zenfone 4 è un device bilanciato ed elegante con un buon hardware e ottime performance complessive. Soffre un po' nelle foto al buio e viene proposto ad un prezzo eccessivo a listino. Con lo street-price è tutta un'altra storia.

Design
7.5
75%
Display
8.0
80%
Hardware
8.0
80%
Connettività
9.0
90%
Audio
8.0
80%
Software
7.5
75%
Fotocamera
7.5
75%
Batteria
8.0
80%
Prezzo
7.0
70%

Pro

Design sulla back-cover
Display
Performance complessive
Connettività
Audio
Batteria

Contro

Troppe app nella ZenUI
Manca ancora l'update ad Oreo per tutti
Fotocamera al buio
Prezzo di listino

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link