Huawei P20 Pro è semplicemente il MIGLIORE! – RECENSIONE

di Andrea Cervone 1

Dopo un P10 conservativo e affetto da qualche problema, Huawei preme forte sull’acceleratore con Huawei P20 ma soprattutto con Huawei P20 Pro, smartphone che ha veramente tutte le carte in regola per essere uno dei principali protagonisti nella scena dei top di gamma del 2018. Lo abbiamo testato negli ultimi giorni e siamo pronti per parlarvene in questa recensione completa.

Design

Huawei P20 Pro rappresenta un importante cambiamento sul fronte del design rispetto a Huawei P10. L’azienda cinese dice addio all’alluminio anodizzato per il suo nuovo flagship ma sposa il vetro sia sul fronte che sul retro. Vetro che sul posteriore presenta delle leggere curvature che rendono più comodo in mano il dispositivo.

Al tempo stesso, però, il telefono appare leggerete “vuoto” sul retro, nonostante il modulo con tripla fotocamera e il LED flash a doppio tono. Il sensore di impronte è posizionato nella sottile cornice inferiore e risulta davvero fulmineo e anche molto preciso. Tuttavia l’avrei preferito sul retro, sia per avere una maggiore semplicità di utilizzo che per poter ricorrere alle comode gestures di Huawei per richiamare il centro notifiche e per scorrere le foto.

Sulla cornice cromata troviamo il tasto di accensione e il bilanciere del volume sulla destra, mentre sulla sinistra è posizionato unicamente il carrellino per la doppia SIM. In alto è presente il secondo microfono per la cancellazione dei rumori di sottofondo e il blaster ad infrarossi. In basso troviamo infine il connettore USB-C, unica connessione via cavo dato che manca il connettore jack. Ma è sul fronte che troviamo i cambiamenti più importanti rispetto allo scorso anno: il dispositivo ora ha un rapporto di forma 18:9 e, oltre alla già citata cornice inferiore, è presente un notch… una tacca.

Qui Huawei pecca forse di originalità, ma quanto meno consente di nascondere questo elemento tramite software, rendendo completamente nera la barra di stato. Nel complesso quello di Huawei P20 Pro non è un brutto design, ma non mi ha neanche fatto gridare al miracolo, in particolare dopo un Mate 10 Pro particolarmente curato e con personalità da vendere. 

Schermo

Huawei P20 Pro monta uno schermo da 6.1 pollici con risoluzione massima pari a FullHD+. Si tratta di un OLED con rapporto di forma 18:9 che garantisce una luminosità massima davvero elevata e un buon contrasto. La qualità degli angoli di visione è ottima e sicuramente questo pannello rappresenta un passo in avanti rispetto a quello di Mate 10 Pro. I colori sono ben tarati e potranno in ogni caso essere modificati dall’utente tramite le impostazioni del dispositivo. Siamo quindi senza dubbio dinanzi ad uno dei migliori OLED in commercio che garantisce un’esperienza di visione attualmente convincente.

Hardware 

Il comparto hardware di Huawei P20 Pro è ripreso in tutto e per tutto da quello già visto su Mate 10 Pro. Troviamo infatti il processore HiSilicon Kirin 970 accompagnato da 6 GB di RAM. Il processore a bordo è ancora tra i migliori in commercio attualmente per prestazioni e ottimizzazione sul fronte dei consumi.

Viene inoltre accompagnato da un NPU (Neural Process Unit) che abilità interessanti possibilità in tema di intelligenza artificiale. Ridotti sono i riscaldamenti e non abbiamo mai notato rallentamenti o scatti durante l’utilizzo, sia leggero che intenso. Anche sul fronte del gaming le prestazioni sono interessanti: il livello di dettaglio è al top e la fluidità è garantita in ogni istante. 

Parliamo anche dei sistemi di sblocco: abbiamo già accennato al sensore di impronte, veloce e affidabile, ma abbiamo un’alternativa, ossia un sensore per il riconoscimento del volto che risulta davvero velocissimo (probabilmente il più veloce in ambito Android) e anche abbastanza rapido. Abbiamo inoltre appreso con sorpresa che questo sensore funziona praticamente sempre, anche in condizioni di buio totale, grazie all’illuminazione dello schermo che basta per rendere possibile il riconoscimento dell’utente e autorizzare lo sblocco del dispositivo. In conclusione, davvero un ottimo lavoro. 

Audio

Migliora anche l’audio rispetto a P10 e siamo ora sugli stessi livelli di Mate 10 Pro. Arriva un doppio speaker intanto (il secondo è nella capsula auricolare) e l’audio migliora sia in qualità che in potenza rispetto a P10. Siamo ancora distanti dai livelli qualitativi di altri top, ma il passo in avanti c’è stato e si sente. Letteralmente. Inoltre Huawei P20 Pro supporta il Dolby Atmos per un’equalizzazione ottimale e personalizzabile dalle impostazioni. 

Connettività 

Qualche mancanza nel settore della connettività. Nonostante Huawei P20 Pro offra il WiFi dual band, l’LTE a 1200 Mbps, un’ottima ricezione e l’NFC, purtroppo manca il Bluetooth 5.0 e non è presente il connettore jack. Si potranno quindi utilizzare solo cuffie USB-C o Bluetooth, altrimenti sarà necessario utilizzare l’apposito adattatore che Huawei include in confezione. Un’altra mancanza riguarda la ricarica wireless che poteva assolutamente essere inclusa dato il retro in vetro di Huawei P20 Pro. 

Software 

A livello software Huawei P20 Pro monta la nuova EMUI 8.1, versione simile a quella che trovavamo su Mate 10 Pro ma con qualche aggiunta e miglioramento. Cambia ad esempio (e in peggio) l’app fotocamera, ora con una discutibile grafica che riproduce una trama in pelle, ma al tempo stesso arriva la possibilità di richiamare la tendina dei toggle e delle notifiche direttamente dalla schermata di blocco. Viene inoltre abilitata la possibilità di estendere le notifiche sempre nella schermata di blocco e troviamo anche delle icone leggernente ridisegnate.

Per il resto questa EMUI condivide praticante tutto con la EMUI 8.0 già vista su Mate 10 Pro, con tanto di modalità desktop che richiede un semplice cavo USB-C/HDMI e che vi permetterà di trasformare lo smartphone in una sorta di computer desktop. Soluzione più matura ed economica rispetto a quanto offerto dalla concorrenza. Tutto ciò si basa poi su Android 8.1 (e non 8.0 come su Mate 10 Pro) che ora include l’app Messaggi di Google e un’integrazione più completa e nativa con Google Assistant che è in grado di completare in modo più agevole le richieste avanzate dall’utente. 

Fotocamera

La fotocamera di Huawei P20 Pro è davvero la migliore in commercio e vi spieghiamo subito il perché. Troviamo tre lenti sul retro e una sola sul fronte. Parliamo prima dell’ultima, buona ma sicuramente meno interessante rispetto alla soluzione scelta per il retro. Si tratta di una 24 megapixel in grado di regalare selfie ad altissima risoluzione che, però, sono sempre penalizzati dall’attivazione automatica della modalità bellezza. Sarà inoltre possibile attivare gli effetti di illuminazione (ripresi da iPhone) che però funzionano in modo decisamente impreciso.

Per quanto riguarda il sistema principale, dicevamo, ci sono tre fofoamere: una RGB, una black and white e una che offre uno zoom ottico fino a 3X, ibrido fino a 5X e digitale fino a 10X. Nel complesso questo sistema consente di scattare foto fino a 40 megapixel, rinunciando però alle funzioni legate allo zoom, oppure, in alternativa, a 10 megapixel. In entrambi i casi le foto di Huawei P20 Pro sono risultate davvero ottime e gli scatti a 40 megapixel, pur soffrendo di una leggera aberrazione cromarica, sono le migliori che abbiamo visto uscire da una fotocamera di uno smartphone.

La saturazione è lievemente accentuata così come il contrasto, ma nel complesso la foto appare nitida e giustamente esposta. Questo per merito anche dell’intelligenza artificiale, decisamente più presente rispetto a Mate 10 Pro e che ora non si limita al riconoscimento della scena ma andrà addirittura ad attivare e a gestire determinate modalità (come quella dei Ritratti) in modo totalmente automatico. I risultati sono sempre incredibili: scattando in automatico con Huawei P20 Pro è praticamente impossibile scattare foto che non siano all’altezza delle aspettative. E poi c’è la modalità Notte, una chicca assurda che ci permette di illuminare la scena in modo ottimale esponendo per un periodo di tempo più lungo grazie all’ottima stabilizzazione gestita dall’intelligenza artificiale. Durante i test questa funzione ci ha davvero lasciato a bocca aperta per la precisione dei dettagli e la riduzione del rumore, nonché proprio per la gestione dell’illuminazione. 

rhdr dav dav rrem nor dav rrem rrem nor rhdr btf rpt

Ottimi anche i video che arrivano fino al 4K a 30 fps con una stabilizzazione pazzesca e un dettaglio sicuramente superiore a quello di tutti gli ultimi top di gamma di Huawei. Presente anche la modalità Super Slow Motion a 960 fps che però permette di acquisire video solo in 720p.

Batteria

Il capitolo autonomia è sicuramente uno dei più interessanti. Huawei è riuscita ad includere una batteria da 4.000 mah nel corpo, davvero sottile, del suo nuovo top di gamma. Praticante abbiamo a disposizione la stessa batteria che troviamo su Huawei Mate 10 Pro e infatti anche i risultati sono sovrapponibili. Si fanno tranquillamente anche 6 ore di schermo con utilizzo medio-intenso e si arriva senza problemi a fine giornata ancora con batteria residua. In caso di utilizzo particolarmente leggero non è difficile chiudere anche due giornate complete di utilizzo.

Abbiamo poi a disposizione diverse modalità di risparmio energetico (con intensità e limitazioni differenti) che aiutano a migliore ulteriormente il tempo di utilizzo del telefono. Avendo poi a disposizione uno schermo OLED è prevista anche la modalità scura che permette di ottenere risparmi importanti in tema di consumi. Insomma, con Huawei P20 Pro la batteria non sarà più un vostro problema. Possiamo garantirvelo. 

Prezzo e Conclusioni

Con un prezzo di listino di 899€, comunque destinato a ridursi nelle prossime settimane, Huawei P20 Pro è davvero una rivoluzione per Huawei e non solo. L’azienda cinese mette la freccia e si prepara al sorpasso definitivo dei competitors portando sul mercato un prodotto completo, privo di difetti e appagante. Ah si, abbiamo anche la miglior autonomia e la miglior fotocamera su un top di gamma. Il meglio del meglio, proprio come diceva il buon Richard Yu. Non c’è altro da dire. Se siete interessati all’acquisto di Huawei P20 Pro potete procedere tramite questo link da cui potrete acquistarlo al miglior prezzo online attuale. 

8.8

Completo, appagante, longevo. E la fotocamera è una delizia! Huawei P20 Pro sfiora la perfezione e convince. Il prezzo è alto, ma è giustificato dall'ottima qualità del prodotto. Se cercate il top in ambito Android lo avete appena trovato: questo smartphone non vi deluderà.

Design
8.5
85%
Schermo
9.0
90%
Hardware
9.0
90%
Connettività
8.0
80%
Audio
8.0
80%
Software
9.0
90%
Fotocamera
10.0
100%
Batteria
9.5
95%
Qualità/prezzo
8.0
80%

Pro

- Schermo di ottima qualità
- Prestazioni al vertice
- Audio decisamente migliorato
- Software aggiornato e ottimizzato
- Miglior fotocamera in commercio
- Batteria longeva

Contro

- Mancanza del Bluetooth 5.0

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
  • max

    Ma i video sono stabili solo in fhd 30 fps..dopo ballano che è una meraviglia..i selfie non vengono bene..l’ho provato e risoluzione a parte sono super sovra esposti..le foto sono ottime e lo zoom 3x è uno spettacolo veramente..tutto sommato continuo a preferire s9 plus..peccato che lato batteria sia un perdente..
    Come batteria fra p20 pro e mate 10 pro qual’è il migliore?

SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link