Galaxy S10 potrebbe essere il primo Samsung con sensore impronte sotto il display

di Francesco Siciliani 0

Torniamo a parlare di Samsung Galaxy S10 e dei sensori per il riconoscimento delle impronte digitali sotto il display. Scopriamo i nuovi report.

Precedenti report avevano affermato che il Galaxy Note 9 potesse essere il primo telefono Samsung con lettore di impronte digitali sotto lo schermo. Tuttavia, le nuove informazioni provenienti dalla Corea del Sud affermano che il primo device Samsung con questa tecnologia potrebbe essere il Galaxy S10.

Secondo Chosun, Samsung aveva provato a introdurre il sensore per il riconoscimento delle impronte digitali sotto al display (FOD) già sul Galaxy S8 dell’anno scorso. Tuttavia, poiché ha incontrato difficoltà tecniche, ha deciso di sviluppare al meglio questa feature e di attendere ancora un po’.

Nel frattempo, i produttori cinesi come Vivo e Huawei hanno già lanciato telefoni con FOD. Per comprendere al meglio la situazione, bisogna essere consapevoli del fatto che, a differenza degli smartphone cinesi che hanno collaborato con fornitori di FOD di terze parti, Samsung sta costruendo il proprio scanner di impronte digitali sotto il display.

La tecnologia FOD può essere classificata in tre diverse tipologie: ottiche, capacitive e ultrasoniche. Gli smartphone cinesi hanno utilizzato sensori FOD ottici di aziende terze come Synaptics e Goodix. I sensori ottici del FOD funzionano emettendo luce per scansionare la superficie del dito e abbinarla ai dati dell’impronta digitale memorizzati. Questa tecnologia è facile da implementare ma offre una scarsa precisione.

Lo scanner per impronte digitali sotto il display disponibile sul Vivo X20 Plus UD funziona più lentamente del tradizionale lettore di impronte digitali. Ancora, Huawei Mate RS è dotato di uno scanner di impronte digitali sotto il display e di un lettore di impronte digitali montato posteriormente. Il possibile motivo per cui Huawei ha scelto di aggiungere un altro normale scanner per impronte digitali su Mate RS potrebbe significare che lo scanner per impronte digitali sotto il display non risulti affidabile al 100%.

Samsung, Qualcomm e Apple stanno sviluppando sensori FOD ultrasonici in grado di catturare i dettagli più piccoli della superficie del dito mediante ultrasuoni. Si tratterebbe di un sensore estremamente preciso e durevole, ma costoso e lento da produrre.

Samsung utilizzerà non solo lo scanner di impronte digitali sotto il display sui suoi futuri smartphone di punta a partire dal Galaxy S10, ma dovrebbe anche usarlo in altri reparti come elettrodomestici e IoT nel prossimo futuro. Dal momento che la società sudcoreana sta pianificando di utilizzare lo scanner di impronte digitali su schermo in più prodotti, potrebbe essere in attesa di implementarlo solo quando sarà completamente pronto.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link