BlackBerry Key2: il vero ritorno della tastiera – RECENSIONE

di Claudio Sardaro 0

BlackBerry ha da poco immesso sul mercato il nuovo KEY2: un dispositivo che riprende il meglio del modello visto 12 mesi fa migliorandolo sotto ogni aspetto.

Parlare di tastiera fisica nel 2018 potrebbe far storcere il naso a più di qualche utente, ma se a questo affianchiamo il brand BlackBerry viene semplice giustificare la sua presenza. L’azienda canadese, grazie a TCL ha oramai da tempo fatto ritorno nel mercato che conta iniziando a dire la propria da qualche tempo a questa parte. Ecco quindi cosa pensiamo del nuovo BlackBerry KEY2!

Design

Il BlackBerry KEY2 è uno smartphone bello: l’azienda ha accuratamente scelto tutti i materiali che lo vanno a comporre e ha ben incastonato la tastiera QWERTY nella scocca. Il fronte del dispositivo è costituito dall’ampio schermo dai bordi contenuti al disotto del quale troviamo la tastiera. La tastiera è realizzata in una piacevole plastica già vista su modelli del passato e che, in base alla mia esperienza diretta, è in grado di durare anni. Il frame di KEY2 è composto interamente in alluminio mentre il retro, la parte forse meglio riuscita, è realizzata in plastica dura con finitura gommata e trama a rombi: la backcover riesce a migliorare il grip del device evitando l’utilizzo obbligatorio di una cover per non farlo scivolare durante l’uso. Sul frame squadrato trovano posto il connettore USB-C, il jack da 3,5mm, i tasti funzione e il carrellino per la sim oltre che speaker e microfoni di sistema.

Schermo

Certamente lo schermo non è il core di questo dispositivo, ma costituisce in ogni caso un’importantissima caratteristica. Il display è un’unità da 4,5 pollici con risoluzione 1080×1620 pixel IPS LCD con aspetto di forma 3:2. I ppi sono 434 e garantiscono una visione di qualsiasi contenuto sempre nitida e piacevole. L’unità si vede molto bene sotto la luce del sole e la luminosità automatica non necessita mai di particolari accorgimenti. Per quanto questo BlackBerry non nasca per fruire in modo costante di contenuti multimediali risulta comunque all’altezza in ogni situazione. Vista la diagonale e il particolare aspetto di forma, sconsiglio tuttavia l’acquisto di questo device a tutti coloro i quali possono essere definibili YouTube addicted.

Hardware

Finalmente! BlackBerry abbandona la vecchia piattaforma vista anche su Motion per passare allo Snapdragon 660 di cui è dotato il dispositivo. La RAM a bordo è da 6GB e la memoria interna è da 64 o 128GB espandibili in entrambi i casi. Grazie alla grande ottimizzazione compiuta da BlackBerry e alla piattaforma molto performante, il dispositivo è sempre pronto a compiere qualsiasi task senza incertezze, gli impuntanti sono rari e i consumi sono molto contenuti. Parleremo di batteria tra poco, ma vi anticipo che anche qui stupisce non poco! Nel tasto spazio della tastiera è nascosto inoltre il sensore per lo sblocco con l’impronta digitale: il dispositivo è privo di sblocco con il volto.

Connettività

Il dispositivo è inoltre un campione di connettività: Bluetooth 5.0, Wi-Fi AC, GPS/Glonass, LTE Cat.12 e NFC sono presenti e sempre ben funzionanti. Ho testato il device anche in zone particolarmente complesse dal punto di vista di reti cellulari e non ha mai perso un colpo. L’azienda è sempre stata sinonimo di affidabilità e anche questo modello conferma questo assioma.

Audio

Un po’ come il discorso fatto riguardo il display non possiamo gridare al “miracolo multimediale”. L’audio di BlackBerry KEY2 non è certo il migliore del mercato, ma il dispositivo si difende abbastanza bene. L’unico speaker mono posto accanto la porta USB-C si comporta abbastanza bene raggiungendo buoni livelli di volume senza distorsione, ma pompando poco i bassi. Lo speaker risulta però ottimo per la riproduzione di parlati e in vivavoce. La capsula auricolare è invece molto buona come da tradizione. Ottima la presenza del jack da 3,5mm.

Software

A bordo troviamo Android O in versione 8.1, sempre aggiornato alle ultimissime patch di sicurezza. La personalizzazione BlackBerry è profonda come da tradizione ed implementa varie soluzioni di sicurezza sviluppate ad-hoc. L’ottimo BlackBerry HUB è oramai una certezza e rende molto più semplice la divisione delle notifiche per categoria e permette di essere più produttivi.

Fotocamera

Visto il prezzo del dispositivo mi sarei aspettato qualcosa in più. Per non essere troppo lunghi nel giudizio riassumo ciò che c’è da dire sul doppio modulo posteriore con una parola: mediocre. Il comparto di questo dispositivo è forse un pelo sotto la media dei device medio gamma presenti al momento sul mercato deludendo così ancora una volta gli acquirenti di device BlackBerry. Le specifiche della dual camera posteriore da 12MP f/1.8 + 12MP f/2.6 denotano il fatto che l’azienda non abbia lavorato molto bene sotto questo aspetto e che i margini di miglioramento attraverso aggiornamenti software sono molto ampi. Gli scatti in notturna sono quasi da dimenticare, molto meglio quelli in condizioni di luce buona.

La fotocamera anteriore è invece un’unità da 8MP f/2.0 che si difende abbastanza bene.

12-12-12,9,0 11-2-12,9,0 IMG_20180807_2347535 IMG_20180904_0940079 IMG_20180428_232553

Batteria

3500 mAh con ricarica rapida Qualcomm: una certezza che non lascia mai a piedi durante la giornata. Proprio come gli ultimi device della casa delle more, anche questo KEY2 è un campione per quanto riguarda la durata della batteria. L’utente medio riuscirà agevolmente ad arrivare a quasi due giorni di utilizzo continuativo e potrà comunque ricaricare velocemente lo smartphone quando necessario.

Conclusioni e prezzo

649€ per la versione in prova sono davvero tanti. Si tratta di un device che arriva in Italia anche con gli operatori, pensato per il business e che profuma di top di gamma, ma abbiamo visto che effettivamente non lo è. Per un’azienda che sta cercando di riconquistare una fetta di mercato persa credo che il prezzo in relazione alla scheda tecnica sia davvero troppo elevato. Come detto nella recensione video, un prezzo più giusto sarebbe stato 450/400€ per la versione da 64GB. Il dispositivo tuttavia convince in quello che è il suo core, la tastiera, che finalmente rinasce e viene riportata ai fasti dell’ultimo vero BlackBerry delle vecchie generazioni, il Bold 9900. Questo è un dispositivo dal quale l’azienda potrà certamente ricavare un ottimo feedback per tentare la nuova scalata verso il successo. Se siete amanti del brand e volete riprovare ciò la comodità di una tastiera fisica, BlackBerry KEY2 fa per voi, in caso contrario vi consiglio di guardare altrove.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link