Recensione Xiaomi Mi Mix 3: il TOP di gamma alternativo! – VIDEO

di Andrea Cervone 0

In un momento storico in cui un po’ tutti i produttori fanno fatica a proporre qualcosa di veramente innovativo nel mercato dei top di gamma, Xiaomi ha voluto proporre ai suoi clienti un prodotto decisamente particolare e che potrebbe trasformarsi facilmente in uno dei best buy del 2019. Parliamo di Xiaomi Mi Mix 3 di cui vi raccontiamo un po’ tutto all’interno della nostra recensione completa.

Design

Xiaomi Mi Mix 3 è uno smartphone elegante, prestante e innovativo. Lo si capisce sin dalla confezione, curata e soprattutto completa. All’interno oltre al telefono troviamo infatti una comoda custodia in plastica, utile per proteggere il delicato retro in ceramica del telefono, e anche una base wireless per usufruire della ricarica senza fili. Nella confezione si fa spazio anche un adattatore jack/USB-C per collegare le cuffie con filo.

Da un punto di vista ergonomico Xiaomi Mi Mix 3 si lascia maneggiare piuttosto bene nonostante le dimensioni importanti, ma a non passare inosservato è il peso: 218 grammi sono tantini e rendono talvolta difficoltoso l’utilizzo del telefono con una mano. Tuttavia i materiali impiegati per la costruzione sono di prima scelta, a partire dalla cornice in allumino per arrivare al retro in ceramica, bellissimo da guardare ma solo quando perfettamente pulito, dato che purtroppo cattura un bel po’ di impronte durante l’utilizzo. 

L’aspetto più particolare di Xiaomi Mi Mix 3 risiede chiaramente nel suo sistema di scorrimento della back cover. Anzi, guardiamo bene cosa succede: in realtà non è la back cover a scorrere verso l’alto, ma è lo schermo a scendere di qualche millimetro per rivelare le fotocamere anteriori (si, sono due). Ed è grazie a questa soluzione che potrete utilizzare senza problemi una cover posteriore su Xiaomi Mi Mix 3 senza impedire il movimento. Il meccanismo non è quindi automatico, ma si attiva senza troppa fatica posizionando il pollice sullo schermo e spingendo leggermente verso il basso. Non è necessaria una forza disumana per aprire il “cassetto” delle fotocamere e questo evita che il telefono possa aprirsi accidentalmente, magari anche in tasca. Ciò viene scongiurato anche dall’aggancio magnetico a fine corsa che rende il telefono più solido. Tuttavia va comunque sottolineata una sensazione di robustezza generalmente inferiore a quella di tutti gli altri top di gamma e un “suond di risposta” durante la digitazione un po’ cheap.

Ma questo slider a cosa serve? Prima di tutto a permettere l’utilizzo della fotocamera anteriore, ma poi anche per consentire il riconoscimento facciale 3D che, per quanto performante, non è tra i più pratici da utilizzare. Ecco, Xiaomi Mi Mix 3 non è quel dispositivo che vi farà innamorare del riconoscimento facciale, anzi utilizzarlo sarà davvero poco pratico, proprio perché bisognerà ogni volta aprire lo slider, farsi riconoscere e riportare il telefono nella sua modalità “compatta”. Davvero molto scomodo, motivo per cui mi sono trovato molto più spesso ad utilizzare il sensore di impronte digitali: veloce, preciso e soprattutto sempre a portata di tocco. Sullo slider c’è inoltre da sottolineare la presenza di un intero menu nelle impostazioni da cui è possibile personalizzare i suoni di blocco/sblocco e collegare un’azione diversa all’apertura dello slider: in merito a quest’ultima potremo scegliere di aprire una specifica app, di lanciare l’app fotocamera, di mostrare una schermata con dei widget o semplicemente escludere ogni azione.

Schermo

Da sempre la linea Mi Mix di Xiaomi ha puntato tutto sullo schermo e con Xiaomi Mi Mix 3 questo concetto viene portato all’estremo: scompaiono praticamente del tutto le cornici (se non per un leggero “mento” che viene mantenuto nella parte inferiore del telefono) e la fotocamera anteriore viene spostata all’interno del meccanismo a scorrimento. Ne nasce un dispositivo privo di interruzioni e super immersivo.

Guardare un film o un semplice video su questo schermo è un’esperienza molto particolare: l’ampia diagonale da 6.39 pollici unita alla risoluzione FullHD+ e alla tecnologia SuperAMOLED rendono questo schermo uno dei migliori in circolazione, al pari delle soluzioni più recenti adottate da OnePlus e Huawei (resta dietro rispetto ad un Galaxy S9/S10 o ad un iPhone X/Xs). Ottima anche la luminosità massima, davvero elevatissima e che consente un’ottimale visione sotto la luce diretta del sole, anche grazie alla funzione di contrasto automatico della MIUI. Questo schermo offre inoltre la funzionalità “Always on” per avere sempre sott’occhio l’orario e la data, ma mancano purtroppo funzioni più avanzate come quelle viste sulla serie Galaxy.

Hardware 

In attesa del modello 5G che porterà in dote anche lo Snapdragon 855 e fino a 10 GB di RAM, la versione base di Xiaomi Mi Mix 3 si limita ad includere l’ancora validissimo processore Qualcomm Snapdragon 845, un octa-core da 2.8 GHz, accompagnato dalla GPU Adreno 630 e da 6 o 8 GB di RAM. Noi abbiamo provato la versione con 6 GB di RAM e onestamente non abbiamo avuto alcun problema con la gestione dei processi. Il telefono ha le prestazioni di un vero top, quindi, e mantiene una fluidità sempre di ottimo livello un po’ in tutte le situazioni, dall’utilizzo più casual al gaming spinto. Non abbiamo mai notato rallentamenti, indecisioni o surriscaldamenti. Una gestione dell’hardware davvero ottimale.

Connettività

La connettività di Xiaomi Mi Mix 3 riserva parecchie sorprese positive, a partire dal Dual GPS: come su Mi8 arriva un doppio GPS per migliorare il tracciamento della posizione un po’ in tutte le situazioni. All’atto pratico, però, la perdita di segnale c’è stata esattamente nelle stesse circostanze in cui l’abbiamo riscontrata con altri smartphone della stessa categoria. Confermato anche l’NFC e arriva il supporto alla ricarica wireless per alimentare il dispositivo senza fili. Poi solo conferme: Bluetooth 5.0, WiFi dual band, LTE/4G e chi più ne ha più ne metta. Tra gli assenti segnaliamo il blaster ad infrarossi, la radio FM e soprattutto la porta jack per le cuffie. A livello di ricezione siamo a livelli davvero alti e Xiaomi Mi Mix 3 non ha mai messo in luce disconnessioni durante le nostre prove, sia utilizzandolo con singola SIM che con doppia SIM. Molto buona anche la qualità in chiamata, sia in uscita che in entrata. Segnaliamo, inoltre, che la vera capsula auricolare è situata nello slider, mentre quella visibile a dispositivo chiuso non è altro che una semplice apertura ricavata nel pannello anteriore per non “tappare” la capsula stessa.

Audio

Uno degli aspetti meno convincenti di Xiaomi Mi Mix 3 è il sistema audio: intanto su questo smartphone troviamo uno speaker mono, ma soprattutto è la qualità a non averci convinto. Il volume non è elevatissimo e soprattutto l’equalizzazione è praticamente assente ed è difficilissimo ascoltare dei bassi in uscita da questo dispositivo. In definitiva, meglio usare le cuffie.

Software

A bordo di Xiaomi Mi Mix 3 troviamo la solita MIUI 10 basata su Android 9.0 Pie. In realtà la presenza dell’ultima versione di Android non si fa più di tanto sentire e abbiamo avuto anche qualche problemino con le notifiche di Telegram. La MIUI si conferma però un sistema che strizza l’occhio all’interfaccia di Apple ma che, al tempo stesso, aggiunge un bel po’ di opzioni di personalizzazione, uno store di temi (solo se impostate la regione su “Hong Kong”). L’esperienza di utilizzo della MIUI è comunque sempre appagante e nel complesso non abbiamo grosse mancanze o imprecisioni nel software da segnalare.

Fotocamera

Xiaomi Mi Mix 3 ci ha sorpreso con la sua resa fotografica di assoluto livello. Sul retro troviamo due fotocamere da 12 megapixel con lente f/1.8 stabilizzate otticamente. La principale è una grandangolare, mentre la secondaria è un’ottica con zoom 2x. I risultati sono davvero strabilianti e probabilmente i migliori mai visti su smartphone Xiaomi fino ad oggi: a sorprendermi nelle foto ottenute con Xiaomi Mi Mix 3 è il livello di dettaglio, probabilmente il più alto tra tutti i top di gamma provati. Molto buona anche la gestione della luce con l’HDR automatico che fa il suo quando necessario. Poco influente invece l’Intelligenza Artificiale che, seppur presente, non modifica in modo sensibile la qualità degli scatti.

Con poca luce Xiaomi Mi Mix 3 offre risultati decisamente migliori rispetto a quelli messi in luce dai precedenti smartphone Xiaomi e si propone come uno dei migliori cameraphone in circolazione per la resa in notturna, anche se gli standard fissati da P20 Pro, Mate 20 Pro e Pixel 3 sono ancora distanti. Come modalità di scatto citiamo la classica Ritratto, migliorata rispetto a Xiaomi Mi 8, le Panoramiche e una completa modalità Manuale a cui si aggiunge una modalità “Notte” che tenta di emulare i risultati ottenuti dai top di gamma 2018 di Huawei ma con scarsi risultati.

I video sono di buona qualità – anche se la stabilizzazione è un po’ da rivedere – e possono essere acquisiti fino alla risoluzione 4K a 60 fps (presenti anche gli slow motion fino a 960 fps). Le fotocamere anteriori, incluse nello slider, sono due: la principale è da 24 megapixel e permette di ottenere selfie di qualità e con un ottima gestione di luce e dei colori, mentre la secondaria (da 2 megapixel) entra in gioco solo per la modalità ritratto e per il riconoscimento facciale 3D.

IMG_20190116_091915 IMG_20190116_091832 IMG_20190116_091843 IMG_20190113_160527 IMG_20190113_160501 IMG_20190113_160124 IMG_20190113_155659 IMG_20190112_231117

Batteria

La batteria di Xiaomi Mi Mix 3 non è sicuramente il suo principale selling-point. Questo è un device che si acquista per l’estetica e per lo schermo in primis: tutto il resto passa in secondo piano. A passare forse un po’ troppo in secondo piano è stata però proprio l’autonomia: infatti, complice il form factor “particolare” del dispositivo, la capacità della batteria è di soli 3.200 mAh. Un po’ pochino per un top di gamma, nonostante i miracoli della MIUI 10 e l’ottima gestione dello Snapdragon 845.

Si riescono a raggiungere mediamente le 5.30/6 ore di schermo con un utilizzo standard. Stressando maggiormente il dispositivo ci si attesta invece sulle 4 ore circa, completando quasi sempre una giornata con il 10/15% di autonomia residua verso le 20.30. Non tantissimo insomma. Per fortuna la ricarica tramite Quick Charge 4.0 è molto rapida (50% in 30 min) e può darvi quindi una bella mano nelle situazioni di difficoltà. È comunque oresente anche la ricarica wireless a 10W. Consigliamo inoltre l’utilizzo delle modalità di risparmio energetico di Xiaomi per migliorare i risultati finali.

Conclusioni

Xiaomi Mi Mix 3 è sicuramente il miglior esponente – ad oggi – della famiglia Mix. Probabilmente ci si può anche spingere un po’ oltre affermando che si tratta del device più completo realizzato fino ad oggi da Xiaomi, nonché il più appagante durante l’utilizzo, a patto che siate disposti ad accettare lo slider. È sicuramente uno dei candidati al titolo di “best buy” di quest’anno nel mercato dei top di gamma. Potete acquistarlo in Italia ad un prezzo di 549€ oppure importarlo dalla Cina risparmiando qualcosina (in questo momento GearBest lo vende a 460€ nella versione con 6 GB di RAM e ROM italiana preinstallata).

8.3

Eleganza e raffinatezza. Sono queste le due parole che descrivono meglio la linea "Mix" di Xiaomi e in particolare l'ultimo arrivato. Xiaomi Mi Mix 3 ha praticamente tutto al punto giusto, batteria e audio a parte. Queste due mancanze passano però subito in secondo piano dinanzi ad una qualità generale molto alta e soprattutto vengono cancellate dalla sensazione di meraviglia che si ha ogni volta che il bellissimo schermo senza cornici viene acceso. Lo slider è la chicca che rende possibile la magia.

Design
9.5
95%
Schermo
9.0
90%
Hardware
9.0
90%
Audio
6.0
60%
Connettività
9.0
90%
Fotocamera
9.0
90%
Software
8.0
80%
Batteria
6.0
60%
Qualità/Prezzo
9.0
90%

Pro

- Design pazzesco
- Schermo di qualità
- Prestazioni da top
- Ottime fotocamere

Contro

- Audio mono
- Autonomia non esaltante

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link