Recensione Xiaomi Mi 8 Pro – Bello è bello, ma il resto…?

di Luca Crocco 0

Dopo il Mi 8 standard e il Mi 8 Lite, oggi tocca allo Xiaomi Mi 8 Pro. Bello è bello, ma sarà anche concreto?

Unboxing

La confezione di Xiaomi Mi8 è la classica confezione a cui ci ha abituati Xiaomi e contiene al suo interno il cavo USB/USB-C, l’alimentatore 12V/1.5A, una cover in silicone trasparente che ci permette di ammirare il retro, così particolare del telefono e un adattatore USB-C/jack audio.

Design

Per quanto riguarda il fronte anteriore, lo Xiaomi Mi 8 Pro non si differenzia per nulla rispetto al Mi 8 Standard. Abbiamo un bel display da 6.21 pollici il quale contiene un grosso Notch. Ovviamente come da trend 2018/2019 lo smartphone ha un design borderless, ovvero con cornici ridotte all’osso, peccato per il bordo inferiore non simmetrico agli altri. Sui profili troviamo: superiormente il microfono per la soppressione dei fruscii ambientali e le antenne. A sinistra il carrellino per la sim, inferiormente presa USB-C, altoparlante mono di sistema e primo microfono. A destra per finire c’è il bilanciere del volume ed il tasto accensione/spegnimento/blocco in colore rosso, il quale risalta tantissimo ed è molto piacevole il contrasto tra il pulsante e il frame scuro in alluminio.

Venendo poi alla particolarità dello smartphone: la parte posteriore. Troviamo una back cover in vetro trasparente con una leggera ombra sul bordo che lascia intravedere i componenti interni del telefono, come ad esempio la batteria, la fotocamera e addirittura il processore. Ma attenzione, per i puristi ci teniamo a precisare che quelli mostrati dal vetro trasparente non sono i veri e propri componenti hardware del Mi 8 Pro, bensì una fedele riproduzione stampata su di un adesivo. Comunque l’impatto che lo smartphone regala alla vista è molto piacevole. Molto carino anche il dettaglio rosso attorno alle due lenti che vanno a comporre la doppia fotocamera principale. Non troviamo il sensore per le impronte digitali a differenza del Mi 8 Standard, dato che in questa variante Pro lo troviamo sotto al display, ma ne parleremo dopo. Per finire, in basso c’è il logo MI molto riflettente.

L’ergonomia dello smartphone è davvero ottima, pur essendo costruito in vetro e alluminio. Rischia di scivolare se usato con una sola mano, ma lo spessore contenuto di soli 7.6 millimetri aiuta davvero tanto la presa. Vi ricordiamo però in confezione è presente una cover in silicone trasparente che vi consentirà di godere comunque dell’estetica dello smartphone, ma ne migliora l’usabilità ad una sola mano e lo protegge comunque da eventuali cadute. Il vetro posteriore è risultato abbastanza resistente, nel corso di queste due settimane di utilizzo lo abbiamo sempre tenuto a nudo, senza cover. Lo smartphone è stato poggiato su diverse superfici, ma non presenta il minimo graffio.

Display

Il display dello Xiaomi Mi 8 Pro è una bellissima unità AMOLED da 6,21 pollici con risoluzione FullHD+, molto luminoso e ben leggibile in ogni condizione di luce, anche sotto i raggi diretti del sole, lo schermo è sicuramente uno dei punti forti dello smartphone. Xiaomi ha deciso di montare su questo smartphone lo stesso pannello montato su Xiaomi Mi 8, ugualmente ben tarato e fedele nella riproduzione cromatica. Come detto prima c’è il notch, ed è anche bello grande il quale potrebbe disturbarvi un po’ durante la riproduzione di contenuti multimediali a schermo intero.

Hardware

La dotazione hardware che troviamo a bordo di Xiaomi Mi 8 Pro è di primo livello, da vero top gamma. Il processore in questione è un Qualcomm Snapdragon 845, octa core accoppiato alla GPU Adreno 630 e a 8 GB di RAM LPDDR4X. Per quanto riguarda la memoria interna a disposizione dell’utente abbiamo l’unico taglio disponibile nel nostro paese, ovvero 128 GB.

Le prestazioni di questo Xiaomi Mi 8 Pro sono da top di gamma a tutti gli effetti, nel nostro periodo di test non ci siamo mai trovati difronte a un rallentamento, in gaming o navigazione, o semplicemente muovendosi nel sistema, lo smartphone è sempre reattivo e pronto ad ogni operazione.

Anche per il comparto dei sensori siamo a livelli top, non manca davvero nulla, abbiamo infatti accelerometro, giroscopio, magnetometro, barometro, ‘c’è anche un piccolo LED di notifica incastonato sotto alla capsula auricolare che ormai non è per niente scontato.

Xiaomi Mi 8 Pro gode inoltre di due interessanti metodi di sblocco. Il primo è il sensore di impronte digitali posto sotto al display. Questo sensore non è il migliore della categoria, risulta più lento e meno affidabile di quello presente sul Oneplus 6T ad esempio, se sul Oneplus ci basta appoggiare il dito sulla zona di competenza per veder sbloccato lo smartphone, sul Mi 8 Pro dovremo effettuare una bella pressione per poter sbloccare lo schermo, in quanto sopra al sensore per il riconoscimento delle impronte è presente un sensore di pressione. Questa implementazione rende lo sblocco un po’ impreciso e macchinoso.

La seconda metodologia di sblocco è il sensore per il riconoscimento del volto, ecco spiegato quel notch così grande nella parte frontale. A differenza dello Xiaomi Mi 8 Explorer Edition (che non arriverà nel nostro paese) troviamo un sensore 2D davvero fulmineo nel riconoscere i dati del viso, sempre preciso e affidabile. Ma la vera chicca sta nel fatto che questo sensore è in grado di riconoscere la nostra faccia anche di notte, con nessuna fonte luminosa ad illuminarci grazie ad un sensore a raggi infrarossi studiato a puntino per questa funzione, e anche di notte, non abbiamo mai riscontrato il minimo problema.

Dunque il riconoscimento del volto può sopperire al sensore per il riconoscimento delle impronte digitali che risulta essere ancora un po’ acerbo. Peccato, perché il sensore fisico posteriore montato sul Mi 8 standard era uno dei migliori della categoria.

Audio

L’audio non è sicuramente uno dei punti di forza di Xiaomi Mi 8 Pro, in quanto il suo principale limite è proprio lo speaker mono. Nel mondo dei top di gamma attuali questa è sicuramente una mancanza che si fa letteralmente sentire, è assente anche il jack da 3.5mm per il collegamento di cuffie tradizionali, durante il periodo di test non abbiamo dato troppo peso a questa mancanza, ma ci rendiamo conto che per qualcuno può essere un motivo bello e buono per non acquistare lo smartphone. Ricordiamo però che in confezione è presente un adattatore che va USB-C a jack 3.5.

Connettività

Per quanto riguarda le connettività troviamo tutto quello che un top di gamma dovrebbe avere: LTE, WiFi AC, Bluetooth 5.0, NFC e GPS a doppia frequenza. Ma questo non significa che anche le performance siano al top. Abbiamo stressato per bene questo smartphone con una SIM Iliad e il risultati non sono stati sempre buoni. Ci siamo ritrovati spesso con perdite di segnale improvvisi o con assenza di rete anche quando sul display appariva la dicitura 4G. Non che il telefono prenda male, però con Oneplus 6T questi disagi non si sono mai presentati pur frequentando gli stessi posti.

Software

Xiaomi Mi 8 Pro arriva già con la MIUI 10, curatissima e ricca di personalizzazioni per l’utente. La MIUI risulta essere una delle migliori ROM del panorama Android. Curata esteticamente, non troppo pesante ma che vi lascerà un po’ destabilizzati se provenite da Android Stock, non in maniera negativa, in quanto parliamo di una ROM completissima e super ottimizzata, ma semplicemente l’impatto estetico è importante.

Sono davvero tante le funzioni e le chicche nascoste all’interno della MIUI, alcune delle quali indispensabili per una buona usabilità nel quotidiano, come la possibilità di usare le gesture e godere a pieno dello schermo, mostrare le notifiche per tre secondi nella barra in alto e tanto altro ancora. Insomma nel complesso un buon software, bello, stabile e tutto da scoprire.

Fotocamera

Xiaomi Mi 8 Pro e Mi 8 standard condividono lo stesso comparto fotografico, parliamo quindi due fotocamere posteriori, una standard da 12 MP F/1.8 con stabilizzazione ottica e una con zoom ottico 2X F/2.4 sempre da 12 MP ma non stabilizzata. Il sensore frontale si trova nel notch ed è una singola fotocamera da 20 MP F/2.0.

La qualità degli scatti è molto alta, praticamente in ogni condizione di luce questo smartphone riesce a tirar fuori degli scatti assolutamente validi. Non raggiungiamo i livelli dei Pixel a livello fotografico, ma la modalità HDR migliora notevolmente praticamente tutti gli scatti che andremo ad effettuare, e per un effetto ancora più “wow” vi consigliamo di attivare l’intelligenza artificiale, la quale satura un po’ i colori e aumenta la luminosità delle foto. Anche di notte gli scatti non sono troppo “gialli” per colpa dei lampioni in strada, ma comunque si poteva far di meglio. Presenta la modalità notte ma non abbiamo riscontrato evidenti miglioramenti nelle foto al buio con questa funzione attiva.

Per quanto riguarda la camera frontale niente da criticare, buona per un utilizzo social, ottimo l’effetto bokeh, riesce sempre a scontornare bene il soggetto. Presente una modalità bellezza attiva di default ma mai troppo invasiva e anche di notte i risultati sono accettabili.

I video girati dalla fotocamera principale arrivano ad una qualità massima 4K 30FPS, per scendere al 1080 30FPS fino al 720 30FPS. Niente 60FPS dunque in nessuna risoluzione. L’audio catturato dallo smartphone è buono, la messa a fuoco è fulminea e il sensore riesce a gestire alla perfezione le luci quando ci troviamo in contro sole.

I video girati dalla fotocamera selfie hanno una qualità che va dal 720 30FPS al 1080 30FPS. Si perde il 4K dunque, e non si guadagnano i 60FPS. La qualità generale è buona, anche se in contro sole fa un po’ fatica a gestire le luci, ma niente di tragico. Comparto fotografico assolutamente promosso secondo noi.

Batteria

La batteria montata su questo Xiaomi Mi 8 Pro è un modulo da 3000 mAh e ci ha sempre consentito di arrivare a sera senza grossi problemi, durante la giornata stress siamo riusciti a coprire quasi 5 ore di display acceso, con Bluetooth sempre acceso, Hotspot per circa 2 ore e sempre sotto 4G, tanto Instagram e tanto Wahtsapp.

Conclusioni e Prezzo

Eccoci arrivati alle battute finali per quanto riguarda questo Xiaomi Mi 8 Pro, uno smartphone bellissimo esteticamente, forse uno dei più belli degli ultimi anni, m allo stesso tempo anche molto concreto. Non è esente da difetti, quello è ovvio, se avesse mantenuto il prezzo di listino di 650 euro non sarebbe stato un valido acquisto forse, ma siccome possiamo trovarlo su Amazon e GearBest a circa 470 euro potrebbe rivelarsi una buona scelta se siete disposti a passare sopra alle notifiche che vengono visualizzate solo per qualche secondo nella barra in alto, ad un audio non proprio eccellente e ad un sensore di impronte sotto al display non fulmineo.

7.6

Xiaomi Mi 8 Pro è uno smartphone bellissimo, dalle ottime prestazioni, ma con un comparto multimediale un po' sottotono.

Design
9.0
90%
Display
8.0
80%
Hardware
7.0
70%
Audio
6.0
60%
Connettività
7.0
70%
Fotocamera
8.0
80%
Software
8.0
80%
Batteria
8.0
80%
Qualità/Prezzo
7.0
70%

Pro

Design
Prestazioni
Fotocamera

Contro

Audio non all'altezza
Sensore sotto al display pigro

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.