Samsung Galaxy Note 10 supporterà il 5G, ovviamente

di Claudio Stoduto 0

Nemmeno il tempo di godersi i nuovi Galaxy S10 appena presentati che ecco subito arrivare dei nuovi rumors sul prossimo top di gamma della società coreana. Ovviamente parliamo del non tanto prossimo Galaxy Note 10 che in realtà ha iniziato a far parlare di sé già qualche giorno dopo la presentazione ufficiale dei suoi fratelli S10.

Quest’anno più che mai, vista la grande rivoluzione che la stessa Samsung ha portato in essere con il cambiamento epocale in parte proprio dei Galaxy S10, è difficile capire cosa e come verrà diversificato il Galaxy Note 10. Ormai i dispositivi si assomigliano talmente tanto non soltanto nella scheda tecnica che potrebbe essere più che mai difficile andare a sostenere un dispositivo completamente diverso, con specifiche di un altro livello ed una serie di dotazioni tecniche che magari sono lontane anni luce dal Galaxy S10. Sarebbe strano e, soprattutto, una mossa non da Samsung che invece ha sempre lasciato la famiglia dei Galaxy Note con l’unica differenza che consisteva ormai nella presenza della S-Pen.

Abbiamo visto come fra le novità dei Galaxy S10 ci sia anche il tanto chiacchierato supporto al modem 5G, la grande novità di questo 2019 sotto tanti punti di vista. In attesa di capire quando i vari operatori lanceranno sul mercato le loro promozioni e le loro prime vere e concrete, arriva una conferma anche per quello che sarà il prossimo top di gamma di Samsung.

In queste ore sono emersi dei dettagli in merito ai codici interni presenti in quello che dovrebbe essere un presunto kernel di riferimento per lo sviluppo della piattaforma software dello smartphone. Come si nota dalla fotografia c’è tanto di nome in codice del prossimo Galaxy Note 10 ed una bella scritta 5G che campeggia insieme ad esso. Ora, detto fra di noi, la vera domanda è relativa alla presenza fissa di un modulo 5G su ogni versione del prodotto o se invece verrà scelta una strada secondaria. Secondo molti ad oggi è ancora presto per poter vedere e lanciare solamente una linea di prodotti già compatibili con la nuova rete ultraveloce, ma allo stesso tempo va detto che con quasi sei mesi in più sulle spalle di test Samsung potrebbe anche tentare l’azzardo. Ad oggi il Galaxy S10 5G c’è ed arriverà poi nei mesi a venire, per cui non ci sarebbe nemmeno del lavoro da fare sulla piattaforma hardware che potrebbe copiare in toto quella appunto vista sul modello di punta della linea S. Ciò che cambia, noi la facciamo semplice ma non è poi sempre così, è il modem radio del prodotto che deve subire delle variazioni e soprattutto un adattamento anche a livello di driver da non dover sottovalutare.

C’erano dubbi sulla non presenza del modulo 5G sul prossimo Samsung Galaxy Note 10? Assolutamente no, anzi tutto il contrario. Almeno questo era il nostro pensiero da addetti ai lavori poi magari Samsung ci stupirà presentando solamente una linea “classica” e tenendo il Galaxy S10 5G come muletto per i test in ottica 2020 e dei nuovi modelli poi in uscita.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link