Xiaomi Mi 9 o Oneplus 6T? Chi è il re dei top di gamma economici?

di Luca Crocco 0

Dopo aver analizzato a fondo lo Xiaomi Mi 9 nella recensione completa abbiamo deciso di metterlo a confronto con Oneplus 6T. Chi sarà il migliore tra i due top di gamma economici?

DESIGN ED ERGONOMIA

Xiaomi Mi 9 e Oneplus 6T sono due smartphone che frontalmente sono praticamente uguali specialmente dopo l’ultimo aggiornamento sul Mi 9 che aggiungendo dei pixel neri vicino al notch lo hanno reso identico a quello del 6T. girando i due smartphone però le differenze sono lampanti. Sul Oneplus troviamo un doppio sensore posto al centro della back cover in vetro con subito sotto il flash led. Se conoscete il brand saprete che in confezione troverete una cover in silicone davvero ben fatta che vi permetterà di proteggere il retro del telefono. Sul Mi 9 troviamo comunque un retro in vetro, molto simile a quello del 6T ma con un modulo fotografico composto da 3 fotocamere e sotto le tre lenti troviamo il flash led. Purtroppo qui la fotocamera del Mi 9 sporge davvero tantissimo, e anche mettendo la cover che troviamo in dotazione la fotocamera posteriore continuerà a sporgere, dunque fate attenzione a questo dettaglio, perché per quanto mi riguarda non è per niente scontato! Per quanto riguarda il touch and feel, sono entrambi un po’ scivolosetti ma si tengono bene in mano. per quanto riguarda gli optional sul Mi9 abbiamo il tasto Google dedicato, mentre su OnePlus abbiamo l’amato slider per la gestione delle notifiche.

DISPLAY

Per quanto riguarda il display abbiamo due pannelli per quanto riguarda la diagonale, parliamo di 6.4”, anche la tecnologia si ripete su entrambi così come la risoluzione. Nel dettaglio abbiamo due pannelli in tecnologia AMOLED ed entrambi in risoluzione FHD+. Due display davvero ottimi per il mio punto di vista, inutile avere una risoluzione maggiore di quella offerta da Oneplus e Xiaomi su uno smartphone, anche la luminosità è molto buona per entrambi ma ho preferito quella del Mi 9 perché rende lo schermo più visibile sotto la luce del sole.

HARDWARE E PRESTAZIONI

Parlando di prestazioni siamo davvero al top in entrambi i casi. Snapdragon 855 per il Mi 9 che è uno dei primi smartphone a montare l’ultimissimo processore di Qualcomm, forse proprio il primo! A far compagnia al processore abbiamo 6 GB di RAM e 64 o 128 GB di storage. Il nuovo processore lo rende davvero un fulmine nell’utilizzo di tutti i giorni, Oneplus 6T però non resta a guardare, infatti nonostante non abbia l’ultimo processore in circolazione riesce a tenere testa al Mi 9 senza nessun problema. Ma comunque lo sappiamo Oneplus fa della velocità il suo punto di forza. Per parlare di tecnicismi come i recensori bravi abbiamo lo Snapdragon 845 affiancato da 6 o 8 GB di RAM e 128 o 256 GB di storage. Entrambi hanno un riconoscimento facciale che funziona tramite fotocamera frontale, dunque scansione del volto solo in 2D. Ottimi entrambi, si fa fatica a decidere quale sia il migliore in termini di velocità, ma per quanto riguarda l’affidabilità darei un punto in più a quello di Oneplus, in quanto quello del Mi 9 pecca, quando è mio fratello a provare a sbloccare il telefono… c’è una certa somiglianza, ma quello di Oneplus non ha mai avuto problemi simili. Il riconoscimento del volto non è però l’unico metodo di sblocco. Abbiamo infatti per entrambi un sensore di impronte digitali sotto al display, che funzionano in maniera differente. Sul Oneplus basta poggiare il dito e lo smartphone si sblocca, sul Mi 9 invece dobbiamo premere con un po’ più di forza. E non so perché ma quello di Xiaomi mi trasmette un senso di sicurezza maggiore. Comuqnue sono entrambi ottimi, funzionano sempre benissimo, anche con mani umide mai avuto il minimo problema.

SOFTWARE

photo5798938111915438571 photo5798938111915438572 photo5798938111915438573 photo5798938111915438574 photo5798938111915438575 photo5798938111915438576

Questi due smartphone sono entrambi famosi per il software. Da una parte la MIUI, dall’altra la Oxygen OS. La prima è davvero ricca di funzioni, sempre supportata anche nel lungo periodo con aggiornamenti e reestyling grafici e arriva con l’ultima versione di android e patch di febbraio, la MIUI si ama o si odia, bealla esteticamente con millemila funzioni tutte da scoprire, ma non chiedete a Xiaomi di farvi vedere le notifiche sulla barra in alto, perché probabilmente non vi accontenterà mai! Pur essendoci spazio a sinistra del notch infatti, non avremo le tanto amate iconcine delle notifiche persistenti li in alto, potremo visualizzarle solo per qualche secondo e niente di più. Per tanto dovete accontentarvi dei badge rossi sopra le applicazioni.

photo5798938111915438583 photo5798938111915438581 photo5798938111915438580 photo5798938111915438582 photo5798938111915438577 photo5798938111915438578 photo5798938111915438579

Su Oneplus 6T gira invece la OxygenOS. Una rom amata da tutti quelli che scelgono il brand. Anche a mio avviso è la migliore nel panorama Android in quanto si avvicina tantissimo all’esperienza pura che offrono i Google Pixel senza tralasciare tutti i benefici di quest’ultima, ovvero aggiornamenti sempre puntuali, stabilità del sistema incredibile e bug totalmente inesistenti. Oneplus però fa le cose proprio per bene, infatti ha aggiunto nella propria UI qualche bella funzione apprezzatissima dagli utenti, come la possibilità di muoversi all’interno dello smartphone tramite le gesture, o attivare il dark su tutto il sistema che va tanto di moda in quest’ultimo periodo. Anche qui ad oggi troviamo Android 9.0 Pie e patch di sicurezza aggiornate a febbraio.

FOTOCAMERA

Il comparto fotografico è stato difficile da comparare, in quanto nessuno dei due smartphone è un vero e proprio camera phone, anche se Mi 9 è stato riconosciuto come uno dei migliori smartphone attualmente sul mercato proprio per quanto riguarda il comparto fotocamere. Una grande mancanza dello smartphone è l’assenza di uno stabilizzatore ottico, troviamo però tre fotocamere come detto prima, più una camera frontale. Il modulo principale è formato da un sensore da 48 megapixel, inutile per quanto mi riguarda, un sensore da 12 mega-pixel con zoom 2X e per finire l’ultimo sensore ha 16 megapixel che gode del grandangolo. Questa è una lente che mi è piaciuta un sacco! E che mi manca davvero tantissimo sul mio Oneplus. La camera frontale invece è da 20 megapixel, la quale non raggiunge i risultati sperati, in quanto la modalità bellezza impasta un po’ l’immagine e il sensore tende a modificare un po’ troppo i colori dell’immagine, facendo risultare così le foto non proprio uguali alla realtà.

LEGGI ANCHE: OnePlus 6T: ecco il notch perfetto! – RECENSIONE

Parlando del Oneplus, sappiamo che non eccelle in qualità fotografica, anche se io non cerco più di questo da uno smartphone sinceramente. Nel dettaglio abbiamo un doppio modulo principale composto da un sensore da 16 megapixel e da uno da 20 megapixel. Abbiamo anche qui zoom 2X ma come detto prima.. Niente grandangolo purtroppo. Entrambi scattano ottime foto di giorno, niente da dire. Ma la qualità cala di pari passo con il calare della luce. Anche per la camera frontale tutto ok, c’è la modalità bellezza e l’effetto bokeh su entrambi che funzionano bene. Su OnePlus 6t abbiamo però lo stabilizzatore ottico che risulta sempre comodo, specie lato video. Quest’ultimi arrivano fino al 4k 60fps (Mi9 ha anche lo slow motion a 960fps) e hanno una qualità paragonabile secondo me, ecco perché non capisco come DXOmark abbia potuto dare un punteggio così alto al Mi 9 per quanto riguarda il reparto fotocamera.

AUTONOMIA

Ma la batteria di questi smartphone quanto dura? abbiamo un modulo da 3300 mah su Mi9 e uno da 3700 mAh su OnePlus 6t, le differenze ci sono e vanno a favore del 6T. non stiamo parlando di una differenza abissale, entrambi gli smartphone vi porteranno a fine giornata senza nessun problema. Con OnePlus 6t arriverete infatti a sera con il 30% residuo, mentre con Mi9 arriverete a sera con un 20% circa di batteria. C’è da dire però che Xiaomi Mi9 a differenza del Oneplus 6T ha il supporto alla ricarica wireless rapida, fino a 20W. Ma la ricarica cablata del 6T non ha ancora rivali che possano reggere il confronto.

CONCLUSIONI

Siamo giunti alle battute finali, abbiamo messo di fronte due smartphone che si sovrappongo per tantissimi aspetti. Mi9 costa 449 euro per il modello da 6-64GB, ma io per la mia personale esperienza consiglio l’acquisto della versione con 128GB di archiviazione quando arriverà ufficialmente su Amazon, la quale costa 559 euro, stesso identico prezzo della variante equivalente del OnePlus 6t. Vi ricordo però che il 6T ha anche il taglio con 8gb di ram e 128gb di archiviazione e viene venduto a 589 euro.

Secondo me non si può avere una preferenza in base alla performance in quanto i due prodotti sono davvero due fulmini! Ma va a gusti e io preferisco OnePlus per il software più curato e un supporto incredibilmente duraturo nel tempo, e poi amo alla follia android stock. E poi, dai… uno smartphone con processore vecchio di una generazione va al pari passo di uno con processore di ultima generazione. Io non so voi ma non vedo l’ora di toccare con mano Oneplus 7 e magari, vedremo quale tra Oneplus 7 e Mi 9, entrambi con snapdragon 855 sarà più performante… ma io una piccola idea già ce l’ho!

LEGGI ANCHE: Xiaomi Mi 9, un vero fulmine ad un prezzo imbattibile – RECENSIONE

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link