Recensione Redmi Note 7: Iniziate a spendere bene i vostri soldi – VIDEO

di Luca Crocco 0

Redmi Note 7 è uno smartphone che mi ha convinto da subito. Mi è piaciuto un sacco e cerco di raccontarvelo al meglio in questa recensione.

Design

Xiaomi Redmi Note 7 è costruito in vetro per la parte anteriore e la parte posteriore, il frame invece è in alluminio. In mano restituisce da subito una sensazione di robustezza anche se non mi è particolarmente piaciuto lo scalino che si crea tra il display e il frame in quanto è davvero molto pronunciato. I pulsanti del del telefono sono posizionati alla giusta altezza: a destra abbiamo bilanciere del volume e tasto accensione, in alto c’è il tanto amato jack da 3,5mm, il secondo microfono per la soppressione dei rumori ambientali e il sensore a raggi infrarossi che ci permette di comunicare con televisori e utilizzare il Redmi Note 7 come telecomando. A sinistra troviamo solo la slitta per inserire la SIM e la Micro SD, inferiormente invece c’è l’ingresso USB Type-C per la ricarica e il trasferimento dei dati, microfono principale e speaker mono.

LEGGI ANCHE: Redmi Pro 2: Il prossimo top di gamma Redmi potrebbe avere anche più successo del Mi9

Spostandoci sul retro invece abbiamo la doppia fotocamera molto sporgente, per ricalcare il trend del Mi9, il flash led, il senore per il riconoscimento delle impronte digitali e il logo Redmi by Xiaomi. Frontalmente invece fa da padrone l’ampio display, con un notch molto piccolo che ospita solo la fotocamera anteriore. Le cornici sono ottimizzate, ma non troppo e purtroppo i bordi non sono simmetrici tra loro, le due cornici laterali sono uguali, ma il bordo superiore è diverso anche da quello inferiore. Bordo inferiore che ospita un piccolo LED di notifica davvero molto molto carino. Quindi, quattro cornici e tre misure diverse. Avrei voluto anche qui il tasto dedicato a Google Assistant perché l’ho trovato molto comodo sul Mi9. Xiaomi Redmi Note 7 è stato presentato nelle colorazioni blu, rossa e nera. Purtroppo siamo stati sfortunati a ricevere in prova il colore più sobrio, ma comunque lo smartphone piace anche in questa colorazione classica.

Display

Il display di Redmi Note 7 è un pannello LCD IPS da 6,3 pollici con risoluzione FullHD+ con rapporto di forma di 19,5:9. Si tratta di un buon pannello nel complesso, segue gli standard degli altri smartphone della concorrenza sulla stessa fascia prezzo. La luminosità è davvero buona, anche sotto la luce diretta del sole nessun problema a visualizzare le schermate, a patto che non usiate la luminosità automatica perché l’ho trovata un po’ pigra, ma nulla di così catastrofico. I colori virano un po’ se incliniamo il telefono, ma comunque per questo prezzo, sono compromessi che possiamo accettare senza troppi problemi.

Hardware e Prestazioni

La scheda tecnica del Redmi Note 7 non è assolutamente in linea con il prezzo, in quanto le specifiche sono da pieno medio di gamma, mentre il prezzo è molto più orientato verso la fascia bassa. Abbiamo un processore Qualcomm Snapdragon 660, affiancato dalla GPU Adreno 512, 3 o 4 GB di RAM e rispettivamente 32 o 64 GB di memoria interna. Inutile dirvi di non prendere neanche in considerazione la variante con 3GB di RAM e 32GB di memoria interna, in quanto la versione più potente e con più spazio di archiviazione ha una differenza di prezzo davvero minima.

Le performance rispettano le aspettative, non è un fulmine di guerra, ma nell’uso di tutti i giorni non ci sono mai stati problemi. Instagram, Whatsapp, Telegram, Facebook e tutte le applicazioni solite dell’utilizzo di un utente medio funzionano bene. E ci tengo a precisare che Instagram non lagga, a differenza del Mi9. Anche mettendo sotto stress il telefono non si sono mai presentati troppi rallentamenti, e anche le sessioni test di gaming sono andate sempre fluide. Ho provato Real Racing 3 su questo Redmi Note 7 che si è sempre aperto in circa (TOT SECONDI) e anche se non ci sono dettagli al massimo, l’esperienza di gioco è tutto sommato molto buona.

LEGGI ANCHE: Recensione Huawei P30 Pro: una reflex sempre in tasca! – VIDEO

Per quanto riguarda il comparto connettività ancora applausi per Redmi, in quanto troviamo il modulo WiFi AC, Bluetooth 5.0, GPS, porta IR, uscita Type-C e porta jack audio da 3,5 mm. Pecato davvero per l’assenza dell’NFC. Anche i sensori ci sono davvero tutti, abbiamo quello di luminosità, di prossimità, un LED di notifica, accelerometro, giroscopio e magnetometro.

Buona anche la qualità audio sia in capsula che in vivavoce, anche in questo comparto il device si è confermato affidabile e anche il volume e la qualità durante la riproduzione di contenuti multimediali non mi hanno lasciato perplesso. Anzi, mi hanno convinto molto.

In fine, troviamo finalmente il sensore posteriore per il riconoscimento delle impronte digitali, che è davvero velocissimo e sempre preciso. Non sbaglia mai un colpo, possiamo renderci conto della precisione del sensore già dalla fase di configurazione, e anche nel corso dei giorni di utilizzo non ha mai creato il minimo problema. C’è la possibilità di impostare lo sblocco con il volto, tramite la cam frontale, ovviamente solo in 2D. Dunque non garantisce il massimo della sicurezza, ma secondo me, con un sensore di impronte così veloce ed affidabile non avrete motivo di attivarlo.

Fotocamera

Redmi Note 7, è equipaggiato da un sensore Samsung da 48 megapixel. L’obiettivo ha apertura F/1.8 e purtroppo manca la stabilizzazione ottica, troviamo anche un secondo sensore da 5 megapixel per la profondità di campo, la fotocamera frontale è invece un modulo da 13 megapixel F/2.2.

Le foto vengono davvero molto, molto bene, in praticamente tutte le condizioni di luce, con tanta luce, in condizioni ottimali il livello di dettaglio è davvero alto. Non scattate in 48 megapixel perché non ci sono assolutamente differenze, anzi, molto spesso la resa è migliore scattando a 12 megapixel. Stessa considerazione che ho fatto per Mi9: la fotocamera da 48 megapixel è totalmente inutile. Di notte si vede un po’ di rumore, i colori si impastano un po’ e molto spesso il telefono soffre con la gestione delle luci, però a questo prezzo, secondo me sono cose su cui si può passare sopra senza grossi problemi. C’è da fare un piccolo appunto però. Redmi Note 7 supporta le API Camera 2, quindi possibile installare tramite APK la Google Camera che come sappiamo migliora le performance fotografiche di praticamente tutti gli smartphone.

Per quanto riguarda i selfie e i video, nulla da segnalare, con poca luce la resa non è soddisfacente, come ovvio che sia, ma anche qui con una buona luce non possiamo assolutamente lamentarci.

Software

Abbiamo tra le mani un prodotto a marchio Xiaomi, quindi a bordo non potremmo trovare altro che la MIUI 10. Questo secondo me è uno dei software più completi, e curati del panorama Android.
Su tutti gli smartphone dell’azienda troviamo moltissime funzioni, applicazioni preinstallate, possibilità di personalizzazione per l’utente, e tanto altro ancora.

Anche questo Redmi Note 7 si porta dietro il problema della visualizzazione delle icone di notifica nella barra in alto (almeno in questo preciso momento). Inoltre,di default molte notifiche non vengono neanche lanciate dal sistema. Dovrete andare nelle impostazioni e abilitare la visualizzazione della notifica nella schermata di blocco, il banner pop-up ecc… manualmente. Ad oggi è davvero un peccato avere tra le mani un prodotto così valido con queste mancanze.

Ovviamente c’è la possibilità di nascondere la navbar, come di consueto, ma manca la possibilità di nascondere il piccolissimo notch, e non sarà possibile nemmeno attivare il tema dark come sul Mi9. La MIUI ci consente anche di creare un secondo spazio utente, come ben sappiamo in quanto non stiamo parlando di funzioni esclusive di questo Redmi Note 7, ma è bene segnalare che Xiaomi non garantisce lemigliori funzioni software solo per gli smartphone top di gamma.

Batteria

Screenshot_2019-04-10-09-15-55-993_com.miui.securitycenter Screenshot_2019-04-10-14-51-03-729_com.miui.securitycenter Screenshot_2019-04-10-20-33-28-841_com.miui.securitycenter Screenshot_2019-04-11-09-29-01-131_com.miui.securitycenter

Il prezzo e la batteria sono i due punti di forza di questo Redmi Note 7. Parliamo subito di numeri, senza fare grossi giri di parole. 7/8 ore di schermo acceso grazie al modulo da 4000 mAh. La batteria fa certamente il suo lavoro, ma sappiamo bene che gli smartphone Xiaomi riescono a raggiungere questi risultati anche grazie all’ottimizzazione software non indifferente. Quindi, tranquilli, che arriverete sempre al dopo cena con una sola ricarica. Nel mio caso specifico mi sono trovato a coprire un giorno e mezzo di utilizzo. Staccando il telefono dalla carica alle 9 di mattina circa, per portarlo a zero a mezzogiorno inoltrato del giorno successivo.

Conclusioni e Prezzo

Xiaomi Redmi costa attualmente circa 215 Euro su Amazon, disponibile nei colori: Blu e Nero. Il prezzo è inteso per il modello con 4GB di RAM e 64GB di memoria interna, ma se foste interessati alla variante meno potente sappiate che il prezzo si aggira sulle 199 Euro, ma non è disponibile su Amazon, quindo dovreste affidarvi ad altri siti, o a Mediaworld. A questo prezzo potete portarvi a casa un bel prodotto esteticamente ed assolutamente concreto. Buona fotocamera, super autonomia, e affidabilità generale del sistema. Manca l’NFC, c’è il “problema” delle notifiche, ma per il resto non manca davvero nulla. Un ottimo prodotto ad un prezzo super competitivo. Consigliatissimo.

8.0

Design
7.0
70%
Display
7.5
75%
Hardware
8.0
80%
Audio
7.5
75%
Connettività
7.5
75%
Fotocamera
7.5
75%
Software
8.5
85%
Batteria
9.0
90%
Qualità/Prezzo
9.5
95%

Pro

Ottima Batteria
Prezzo Stracciato
Buona Costruzione
Affidabilità
Buona Fotocamera per il Prezzo

Contro

Mancanza dell'NFC
Problemi con le Notifiche

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link