OnePlus 7 Pro non ha ancora mostrato tutte le sue potenzialità

di Claudio Stoduto 0

OnePlus 7 Pro è sicuramente uno dei dispositivi del momento che ha potuto mostrare al pubblico intero il cambiamento fatto dalla società cinese nei confronti dei top di gamma in assoluto e di quelle che saranno le sue scelte future da qui ai prossimi mesi di questo 2019 più che mai importante sotto vari punti di vista.

Detto questo in tanti hanno richiesto come, visto in primis l’innalzamento del prezzo, le prestazioni e l’offerta fosse superiore alla media e non giustificabile come una semplice evoluzione del OnePlus 6T visto fino a poche settimane fa. Per quello c’è il modello non Pro che, nonostante tutto, sembra aver comunque convinto gli utenti a dargli una chance di prova prima di poter tirare un giudizio finale sul prodotto. Per quanto riguarda invece il top di gamma le attese erano molte e decisamente elevate con un particolare focus ed un attenzione dedicata sulla fotocamera.

Come abbiamo visto, nonostante le nuove specifiche ed un software che sembrava essere alla sua altezza finalmente, non siamo ancora ai livelli dei maggiori competitor del mercato. Con questo non stiamo dicendo che le fotografie scattate da OnePlus 7 Pro siano pessime, tutto il contrario anzi, ma che semplicemente oggi non si è ancora definitivamente pronti per poterlo comparare con un Huawei P30 Pro, forse il leader del mercato in assoluto in questo preciso momento.

Dopo le prime indiscrezioni è arrivata anche la risposta ufficiale della società che, udite udite, è molto simile alle dichiarazioni rilasciate praticamente ogni anno dopo l’arrivo sul mercato del top di gamma del momento. Esse infatti fanno riferimento ad una questione già vista intorno al mondo di OnePlus e che fa riferimento più da vicino a quello che il programma di aggiornamenti previsti da qui alle prossime settimane. D’altro non sarebbe la prima volta che arrivi un aggiornamento software che sia in grado di migliorare le performance della fotocamera e la conferma della azienda in tal senso dovrebbe farci ben sperare sotto tutti i punti di vista. Il team dedicato allo sviluppo del software della fotocamera è al lavoro per correggere i problemi riscontrati e migliorare ulteriormente la qualità fotografica in ogni condizione di scatto. Ovviamente, come è stato sottolineato, si cercherà molto di calibrare l’effetto della funzionalità HDR sul dispositivo in maniera tale da avere a disposizione un software quasi del tutto perfetto.

L’aggiornamento dovrebbe arrivare nel breve periodo e ne siamo pienamente certi. Ovviamente ricordiamo anche che non mancherà di arrivare la Google Camera, il famoso software estrapolato dai dispositivi Pixel di Google, che potrebbe rendere decisamente più performante il sensore da 48 megapixel che noi tutti abbiamo iniziato a conoscere.

Tenete pronti i vostri dispositivi.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.