Scoperto Agent Smith, malware responsabile dell’infezione di 25 milioni di device Android

di Luca Ansevini 0

I ricercatori di Check Point hanno portato alla luce il nuovo malware Agent Smith per dispositivi Android, infezione che secondo le stime avrebbe colpito ben 25 milioni di dispositivi operanti con il sistema operativo targato Google.

Il nome del malware si ispira chiaramente al noto e malvagio Agente Smith della celebre saga cinematografica Matrix per la sua capacità di attaccare un dispositivo mascherandosi ed evitando di essere rilevato.

Il nuovo malware non va a compromettere la nostra privacy rubando informazioni personali ma va a colpire il codice delle applicazioni installate, aumentando la visualizzazione di banner pubblicitari per trarre ovviamente profitto dalle visualizzazioni fraudolente. Secondo quanto rivelato da Check Point il malware avrebbe colpito alcune delle più comuni applicazioni installate su milioni di devices come WhatsApp, Opera Mini o Flipkart andando a rimpiazzare una porzione di codice ed evitando così l’aggiornamento dell’applicazione stessa con conseguente rimozione del malware.

Il malware sarebbe nascosto all’interno di utility per foto, giochi o applicazioni a sfondo sessuale, mascherandosi poi da finto Google Updater e iniziando il processo di modifica del codice. L’infezione partita dall’India conterebbe 15 milioni di infezioni e avrebbe raggiunto gli Stati Uniti, dove sono stati infettati oltre 300.000 dispositivi. L’infezione ha cercato di diffondersi sul Google Play Store tuttavia Google ha già provveduto a rimuovere tutte le app dannose scoperte.

Agent Smith avrebbe sfruttato una vulnerabilità già nota e patchata da Google diversi anni fa, colpendo però le applicazioni che ancora non avrebbero integrato tale patch.

 

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.