Xiaomi Mi 9T è anche meglio di Mi9! – RECENSIONE

di Andrea Cervone 0

Potrà sembrare esagerato il titolo della nostra recensione di Xiaomi Mi 9T, ma possiamo assicurarvi chem dopo dieci giorni intensi di utilizzo, il nostro parere finale su questo dispositivo può riassumersi proprio in queste poche parole: il nuovo mid-range di Xiaomi ci ha stupito e convinto più del fratello maggiore, lo Xiaomi Mi9, e in questa nostra recensione vi spieghiamo il perché.

Design

Tamarro ma bello. Non so come descriverlo se non con questi due aggettivi il design di Xiaomi Mi 9T. Un dispositivo che sicuramente non passa inosservato e che anzi colpisce per le scelte estetiche approntate da Xiaomi. L’azienda cinese in questo 2019 non ha avuto paura di osare e il risultato si è visto: Mi 9T è il classico telefono che riceverà sguardi indiscreti e che incuriosirà. Poi sul fronte è assolutamente immerso, grazie all’assenza di cornici, notch e fori, e questo è sicuramente un altro bel punto a suo favore. Le dimensioni sono forse solo un pochino esagerate, ma comunque non così tanto da pregiudicare l’uso con una mano. Nel complesso un telefono esteticamente davvero particolare e che sono sicuro piacerà a moltissimi.

Hardware

L’hardware su Xiaomi Mi 9T colpisce pur non essendo di fascia top. A muovere il dispositivo è la CPU Snapdragon 730 di Qualcomm, accompagnata dalla GPU Adreno 618 e da 6 GB di RAM. La memoria (non espandibile) va invece dai 64 GB della versione base ai 128 GB della versione top. Le prestazioni, però, non deludono affatto: non ci saranno le prestazioni dello Snap 855, ma il processore di Xiaomi Mi 9T si difende alla grande, offrendo fluidità e stabilità all’utente. Anche i consumi sono davvero ridotti e i riscaldamenti della back cover sono praticamente assenti, anche durante l’utilizzo più intenso.

Per quanto riguarda i sensori di sblocco, invece, si comportano entrambi molto bene: troviamo il sensore di impronte digitali sotto lo schermo che risulta affidabile ma non velocissimo. Nulla di tragico, intendiamoci, ma siamo comunque al di sotto della media dei top di gamma (ma ehi, Mi 9T non è un top di gamma!) e le stesse limitazioni possono essere attribuite anche al sensore per il riconoscimento del volto, preciso ma non velocissimo causa motorino della camera pop-up non proprio fulmineo.

Schermo

Lo schermo di Xiaomi Mi 9T è un’unità da 6.39 pollici in risoluzione 2340 x 1080 pixel e con tecnologia OLED, ricoperto da un Gorilla Glass 5. La densità di pixel è pari a 403ppi e il dispositivo offre colori veritieri e un’ottima luminosità massima (che tra l’altro si regola benissimo in autonomia). Perfetti gli angoli di visione e i neri profondissimi dell’OLED consentono anche l’utilizzo di funzioni come l’Always On display. Chiaramente uno dei temi qui è la presenza di una fotocamera pop-up che riduce al minimo le cornici e aumenta l’immersività dello schermo.

Connettività

La connettività di Xiaomi Mi 9T è assolutamente al top: troviamo infatti l’NFC, il WiFi dual band, il Bluetooth 5.0, il dual-GPS e chi più ne ha più ne metta. Molto buona anche la ricezione e la qualità generale dell’audio in chiamata, sia dalla capsula che in vivavoce.

Audio

Uno degli aspetti meno convincenti di questo dispositivo è sicuramente l’audio: qui troviamo infatti uno speaker mono che convince solo a metà: il livello del volume è anche piuttosto alto, ma purtroppo tratta pur sempre di una soluzione non all’altezza di quanto fatto vedere da altri produttori. C’è anche una buona notizia, però, ossia la presenza del connettore jack per le cuffie.

Software

Android 9.0 Pie con la classica MIUI. Squadra che vince non si cambia. Anche su Xiaomi Mi 9T arriva l’esperienza pura del brand cinese – e in particolare GearBest vi fornisce il telefono già con italiano e PlayStore installato, non male. Il Launcher di default inizia a mostrare i suoi anni, bisogna dirlo, pertanto io ho subito valutato un bel upgrade a Nova con uno dei temi per le icone che preferisco. Semplice, pulito e molto Google stock. In questo modo posso avere un drawer delle app e più di una griglia 4×4, superando così due fastidiosi limiti del Launcher Xiaomi. Nel software MIUI troviamo tutte le classiche opzioni di personalizzazione e le tantissime funzioni aggiuntive a cui Xiaomi ci ha abituato. Il centro dei toggle è personalizzabile e vi sono anche le comodissime gesture (secondo me le migliori in ambito Android) per rinunciare ai tasti virtuali di navigazione. Ricordatevi solo che la modalità ad una mano non potrà essere attivata se affiderete il controllo del dispositivo alle gestures!

Fotocamera

Xiaomi Mi 9T eredita praticamente lo stesso modulo fotocamera che troviamo su Xiaomi Mi9. Anche qui trovano posto tre fotocamere posteriori, rispettivamente la principale con ottica grandangolare e sensore da 48 megapixel, il teleobiettivo con ingrandimento ottico 2X con lente da 12 megapixel e l’ottica supergrandangolare, sempre da 12 megapixel. Gli scatti delle tre fotocamere sono tutti uniformi da loro e Xiaomi è riuscita a mantenere inalterate la definizione e il bilanciamento del bianco tra i vari sensori. Molto buona e fedele anche la riproduzione dei colori, mai troppo saturi. Per scattare in 48 megapixel dovrete attivare la specifica funzione dall’app fotocamera e lo stesso discorso vale anche per la modalità Notte (che reputo seconda solo a quella di Huawei) e per la modalità Ritratto (anch’essa decisamente affidabile nello scontorno). Per quanto riguarda le due ottiche secondarie, chiaramente fa comodo avere a disposizione praticamente ogni tipo di ottica che ci potrebbe servire durante un viaggio: dal grandangolo per i panorami più belli al teleobiettivo per ingrandire i particolari. Il lavoro svolto da Xiaomi su questo smartphone è stato davvero eccellente. Meno bene i video che invece sono sempre poco definiti (anche in 4K) e godono di una stabilizzazione non ottimale. I selfie sono invece affidati alla fotocamera pop-up e ci hanno colpito meno rispetto alle foto scattate con le fotocamere posteriori, ma risultano ugualmente di buona fattura.

Batteria

Xiaomi Mi 9T viene equipaggiato con una batteria da ben 4.000 mAh, pensata per offrire agli utilizzatori un’autonomia affidabile in ogni situazione di utilizzo; dalle giornate più intense in cui comunque riuscirete ad arrivare a sera con ancora un buon 10/20% di autonomia, alle giornate più “soft” in cui darete la buonanotte al telefono con ancora un 30-40% di autonomia residua. Insomma, come avrete capito la batteria di Xiaomi Mi 9T è ben più che affidabile e non vi farà assolutamente rimpiangere quella di altri smartphone top di gamma. Il merito va al processore, poco energivoro, e alla gestione dei consumi della MIUI che si dimostra sempre sul pezzo. Tuttavia abbiamo comunque notato un leggero eccesso di battery drain quando si utilizza il telefono, rispetto al consumo praticamente nullo durante la fase di standby. Peccato non avere però la ricarica wireless che sarebbe stata un bel valore aggiunto; ci si può però affidare alla ricarica con cavo che risulta moto rapida con l’alimentatore offerto in confezione. Meritano una menzione anche le opzioni di risparmio energetico che consentono di incrementare ulteriormente la durata della batteria limitando alcune funzioni dello smartphone nei momenti più critici.

Conclusioni

Xiaomi Mi 9T viene attualmente venduto sui 329€ su Amazon, anche se noi abbiamo preferito acquistarlo da GearBest risparmiando qualcosina grazie ai coupon e beneficiando comunque di una spedizione tracciata e velocissima. Xiaomi con questo Mi 9T ha creato un prodotto appetibile ad un pubblico molto ampio: dallo smanettone in cerca dell’ultima soluzione tecnologica a chi invece vuole un telefono sufficientemente potente ma con un prezzo ancora contenuto. C’è di mezzo un po’ di tamarraggine chiaramente, ma onestamente ci si fa presto l’abitudine al look particolare del dispositivo. Sicuramente un dispositivo da considerare se si vuole avere tutto al punto giusto. Non manca praticamente nulla a questo dispositivo e nell’esperienza quotidiana si comporta davvero bene. Consigliato a tutti coloro che cercano uno smartphone concreto e moderno.

8.3

Non tra i più compatti, non tra i più anonimi e non tra i più potenti. Xiaomi Mi 9T è semplicemente il telefono GIUSTO: ha prestazioni giuste, uno schermo ben più che giusto, una fotocamera che ti permette di fare sempre la foto giusta, una batteria giusta (qui si poteva anche andare oltre il "giusto") e un software aggiornato quanto basta. E sapete che altro ha di giusto? Il prezzo! Su queste cifre è davvere difficile trovare di meglio.

Design
8.5
85%
Hardware
8.5
85%
Schermo
8.5
85%
Connettività
8.5
85%
Audio
7.0
70%
Software
8.0
80%
Fotocamera
8.5
85%
Batteria
8.0
80%
Qualità/Prezzo
9.5
95%
Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link