Isocell 108 MegaPixel: ecco il super sensore Quad Bayer di Samsung

di Nikolas Pitzolu 0

Anche Samsung è al lavoro su un sensore per dispositivi mobili dotato di una risoluzione altissima, con 108 MegaPixel sarà una super definizione!

Ci fu un momento nel contesto smartphone in cui le aziende si sfidavano ad aumentare la risoluzione, espressa in megapixel, delle fotocamere dei loro prodotti. Poi, una volta capito che i Megapixel non erano affatto sinonimo di una bella foto, si iniziò ad aumentare il numero dei sensori a disposizione.

Una fotocamera che fa solo la fotocamera (Reflex), può permettersi di avere uno spessore maggiore, uno smartphone no! E quindi, tradotto, lo stratagemma è stato quello di aumentare il numero dei sensori in modo tale che questi potessero lavorare singoli o insieme per replicare i risultati che una fotocamera compatta, con un solo sensore, può tirar fuori.

Ed ora si ritorna ad aumentare i Megapixel? In un certo senso si ma c’è una variante, ma in ogni caso si continua a posizionare i vari sensori che possono integrare ad esempio uno Zoom ottico, un grandangolo, etc.

Per l’aumento della risoluzione, lo hanno fatto di recente molti brand che con i propri smartphone hanno osato un sensore da 48 MegaPixel, vedi Xiaomi con Redmi, vedi Oppo con Realme, etc. E presto si useranno sensori da 64 MegaPixel che, con il prossimo anno, arriveranno a raggiungere i 108 MegaPixel.

Ma c’è un però relativo al raggiungimento di tale risoluzione. Innanzi tutto questo tipo di sensori sono prodotti utilizzando la tecnologia Quad Bayer, che riesce a garantire una risoluzione così elevata grazie alla moltiplicazione delle risoluzione per 4, in modo tale da moltiplicare anche i dettagli espressi nella foto. Il sensore infatti può scattare nella forma base a 27 MegaPixel.

Stesso iter di tecnologie ha seguito Samsung che ha prodotto il suo sensore da 108 Megapixel “customizzato” della linea ISOCELL e sappiate che il 12 agosto sarà presentato e sicuramente l’azienda ci darà qualche prova delle sue reali performance.

Il periodo in cui usare i primi sensori in oggetto è il 2020 e potrebbe benissimo essere l’inizio del prossimo anno, magari in concomitanza del Mobile World Congress. Se Samsung è già pronta a presentarlo, vuol dire che il sensore è già pronto: di certo non succederà come con Galaxy Fold che non è stato nemmeno presentato e rivisto nella sua forma finale prima di essere ufficialmente “finito”.

Uno dei clienti interessati a tale sensore, ne abbiamo già parlato, è Xiaomi che ha contattato Samsung per avere a disposizione prima di tutti tale sensore da poter installare sul prossimo Mi Mix 4. Indiscrezioni dicono che l’azienda abbia in cantiere uno smartphone con una fotocamera pazzesca e arriverà alla fine dell’anno. Se tanto ci da tanto, è improbabile che una tale tecnologia sia installata su uno smartphone medio di gamma – per ora – e quindi il primo smartphone top di Xiaomi a capitare sarà il Mi Mix 4. Ma sappiamo che lo smartphone è sempre arrivato verso la fine dell’anno e quindi il 2020 potrebbe trasformarsi in fine 2019.

In ogni caso i dettagli del sensore sono impressionanti. Grazie alla tecnologia Quad Bayer sarà possibile acquisire una mole ingente di dettagli fotografici. Ad esempio, la risoluzione massima di un sensore da 108 Megapixel è di 12032 X 9024 e promette degli scatti ricchi di dettagli. Attenzione però che avere una risoluzione così elevata non vuol dire che si scatteranno foto migliori di un sensore da 40 MegaPixel ad esempio (Huawei P30 Pro docet).

Le info tecniche del nuovo sensore ISOCELL comunque recitano che la risoluzione standard sarà di 27 MegaPixel ma i produttori avranno la possibilità di creare un software ad Hoc per usare la tecnica Quad Bayer, in modo tale da arrivare a 108 megapixel.

Pochi giorni e sapremo anche su qualche smartphone Samsung per primo sarà installato.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.