Huawei: pronto smartphone con lettore impronte nel display, ma è LCD!

di Nikolas Pitzolu 0

Huawei ha pronto uno smartphone con sensore di impronte digitali all’interno del display, la cosa inedita è che questo display è a tecnologia LCD.

Ormai anche il sensore delle impronte digitali in-display è stato sdoganato. Come ogni tecnologia, all’inizio viaggia un po’ sul “dubbio”, poi piano piano viene fuori il suo potenziale.

E anche per questi sensori, stessa cosa, partiti in sordina per via della loro non adeguata precisione del riconoscimento ma man mano sono migliorati. Al momento ancora non garantiscono lo stesso livello di sicurezza e velocità di un sensore tradizionale ma ci arriveranno e li supereranno anche.

Il limite più grande però fino ad ora è stato quello che, per utilizzarlo, serviva necessariamente un display a tecnologia Oled. Ergo, non poteva essere installato su smartphone economici in quanto il prezzo di un display a matrice Oled è sensibilmente più alto della controparte LCD e quindi nascevano i problemi di “scegliere su quali smartphone equipaggiarlo”.

Ma tutto ciò fino ad ora, appunto. BOE display – partner da tempo immemore di Huawei che fornisce anche i display Plastic-Oled per Mate X – ha ingegnerizzato un pannello a tecnologia LCD IPS su cui un sensore delle impronte digitali in-display funziona perfettamente, riuscendo a riconoscere l’impronta digitale anche avendo nel mezzo il layer della retroilluminazione.

Ed era proprio questo il punto: i display LCD hanno uno “strato di troppo” che fino ad ora rendeva la vita difficilissima per il funzionamento di questi sensori, ma man mano anche questo scoglio è stato superato.

Ebbene, durante la Huawei Developers Conference, la società Cinese ha mostrato il suo primo smartphone che sarà dotato di questa nuova tecnologia. Il tutto funziona a dovere e i dirigenti dell’azienda hanno affermato che a giorni entrerà in produzione di massa, con la supervisione della società BOE, che fornirà i display opportunamente modificati per funzionare con i sensori di impronte “invisibili”.

Se siete assidui lettori e ci avete seguito durante il MWC 2019, ricorderete sicuramente che BOE stessa presso il suo stand ha mostrato dei prototipi display con questa caratteristica, ebbene, questi pannelli sono diventati realtà e possono essere installati ora sugli smartphone.

Chiaramente Huawei non avrà l’esclusività, a BOE interessa collaborare con quanti più OEM possibili in modo tale da allargare il giro di affari. Lo smartphone Huawei in progetto non sappiamo quale sarà ma potrebbe arrivare entro la fine dell’anno e grazie alla nuova tecnologia costare meno di 200 dollari. Davvero notevole!

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.