Non solo Harmony OS, ecco anche Realme OS by OPPO | UFFICIALE

di Nikolas Pitzolu 0

Anche Oppo, tramite il suo sub-brand, ha deciso di scrivere, prodursi e utilizzare un nuovo sistema operativo per i proprio smartphone: ecco Realme OS!

Stanno iniziando a diventare un po’ troppi, non pensate? Ci riferiamo alle aziende che hanno deciso di creare ed autoprodursi in casa il proprio sistema operativo o la propria customizzazione per differenziarsi. Ma tra tutte quelle che lo hanno fatto, c’è da fare una distinzione.

Se per Huawei con Harmony OS è stata fatta di necessità virtù – per via dell’improvviso ban che ormai è davvero meno ban – ci chiediamo il perché da parte di Realme (diretta da OPPO) di creare un’altra interfaccia del sistema operativo. Sappiamo bene i problemi che comporta ripartire da “zero”, sopratutto in un mercato saturo da due player software cannibalizzanti quali sono Android e iOS. E, non meno importante, con dei “lavori in corso” quando il brand sta avendo proprio ora i primi ritorni ingenti di apprezzamento.

La chiave di volta però, potrebbe essere proprio la questione del ban. Trump ha sempre asserito che le tasse maggiori le pagheranno le aziende che utilizzano tecnologia USA e, anche se ancora non è toccato ad altre che non siano Huawei, sempre di un’azienda cinese stiamo parlando. Ma a dirci il perché di tale mossa è un esponente dell’azienda che sa il fatto suo.

Non è infatti un rumors quello che vi riportiamo, è una dichiarazione ufficiale del CEO di Realme Madhav Sheth che ha espressamente detto che la piccola realtà vuole si far parte del gruppo Oppo, ma vuole anche stare in piedi con le proprie gambe a livello di conoscenza e qualitativo del brand.

Oltre a questo, Sheth ha affermato che il progetto è davvero avanti nello sviluppo e sarà a disposizione entro la fine dell’anno sugli smartphone Realme. Prevediamo comunque che tutti gli smartphone attuali vengono colpiti da un aggiornamento maggiore che li farà  passare dall’OS standard a quello nuovo pensato esclusivamente per i dispositivi Realme.

Ma com’è stato sviluppato Realme OS? Ovviamente la base è Android 10 Q, ma da qui la volontà di creare qualcosa per differenziarsi dai soliti “colori identificativi” di Oppo con sua Color OS. Oltretutto, infine, il CEO afferma che più o meno tutti gli smartphone Android sono uguali e che se non si usano dei “metodi” diversi per customizzare le proprie versioni non si va da nessuna parte, saranno premiati solo e sempre i soliti quattro noti.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.
SEGUICI E RESTA AGGIORNATO!
 
close-link