Xiaomi Mi 9 Pro 5G è UFFICIALE

di Claudio Stoduto 0

Come anticipato e come da copione, nella mattina di oggi Xiaomi ha ufficialmente presentato al mondo alcune novità interessanti tra cui il nuovo Xiaomi Mi 9 Pro 5G. Vi possiamo anticipare, ma ora lo vedremo assieme, che si tratta di uno smartphone da tenere in assoluta considerazione.

In primo luogo ecco la conferma sul processore che sarà il nuovo Snapdragon 855 Plus di ultima generazione e dalle prestazioni che, abbiamo visto, sembrano essere più che mai “spaziali”. Le frequenze di lavoro potranno arrivare da un massimo di 2,96 GHz garantendo delle performance decisamente interessanti. Inoltre, grazie anche a questo chip, è stato possibile montare un modem 5G in grado di raggiugnere delle velocità di navigazione che persino la stessa azienda sul palco ha fatto difficoltà a commentare.

Confermata in pieno anche al RAM montata a bordo dello smartphone che sarà da ben 8 GB nel taglio base ma che poi arriva ad un massimo di ben 12 GB. Internamente si avrà a disposizione un taglio di memoria di partenza di 128 GB per un massimo di ben 512 GB.

Xiaomi ha lavorato moltissimo anche dal punto di vista delle performance legate alla batteria. È stato inserito un modulo con una capacità nominale da ben 4000 mAh che sarà in grado di supportare la ricarica rapida fino a 40 W in grado di ricaricare lo smartphone praticamente in 48 minuti fino al 100%. Avete letto bene così come Xiaomi ha comunicato che fornirà in confezione un alimentatore in grado di arrivare fino a 45 W e quindi, potenzialmente, utilizzabile anche per ricaricare un notebook venduto magari dalla stessa azienda. Non lo diciamo a caso in quanto è stato effettivamente detto direttamente sul palco dell’evento. Infine, giusto per non farci mancare nulla, ci sarà anche il supporto alla ricarica wireless da ben 30 W. Questa sarà permessa anche grazie all’ausilio di una speciale base di ricarica studiata appositamente e che sarà anche in grado di smaltire il calore autonomamente. Non sarà presente in confezione, ma verrà venduta separatamente allo smartphone.

Per quanto riguarda il display avremo a disposizione il già tanto chiacchierato pannello da 6,39 pollici di diagonale. La tecnologia scelta è ancora una volta quella AMOLED già vista anche sul Mi 9 e che tanto ci era piaciuta per diversi aspetti. Xiaomi ha dichiarato però di aver lavorato moltissimo su questo pannello in maniera tale da cercare di ottenere una gamma cromatica corretta e ben bilanciata. Niente fotocamera sotto al display in quanto avremo  ancora un notch presente, nella sua veste di ultima generazione a forma di goccia, visto già anche su altri modelli dell’azienda.

Ovviamente in merito alle colorazioni ci si è soffermati sulle peculiarità scelte per il colore chiaro con sfumature viola/rosa che trovate in apertura dell’articolo. Decisamente bello, intrigante ed allo stesso tempo diverso rispetto a quanto visto fino ad oggi da parte anche della stessa Xiaomi. Tuttavia non mancherà una veste nera che sarà molto più elegante e meno sgargiante dell’altra appena citata.

Spostandoci invece sul comparto fotografico, anche in questo caso la base di partenza è stata quella dello Xiaomi Mi 9. Il setup rimane composto da tre sensori rispettivamente da una camera principale da ben 48 megapixel, una secondaria da 16 megapixel ed infine la terza ausiliaria da 12 megapixel. Tuttavia, sebbene il setup non cambi, Xiaomi ha mostrato come l’azienda si sia voluta concentrare sul software e sull’algoritmo di compressione e scatto delle fotografie. Insomma a differenza di altre aziende che hanno cambiato e modificato i sensori, la società cinese ha questa volta scelto di adoperare delle camere su cui aveva già lavorato per poterle migliorare ulteriormente a livello ingegneristico software e non hardware.

Xiaomi Mi 9 Pro 5G sarà disponibile nel corso delle prossime settimane ad un prezzo  di 3699 Yuan, circa 480 euro al cambio odierno, per il taglio da 8 GB di RAM e 128 GB di spazio interno. Per il modello top da 12 GB di RAM e 512 GB di spazio interno si parte da 4299 Yuan, circa 550 euro.

Commentando dichiari di aver letto e di accettare tutte le regole sulla discussione degli articoli nei nostri blog.